Vegano e vegetariano: differenze

Data Pubblicazione: 14/03/2018

Vegano e vegetariano: differenze

COME DISTINGUERE UN VEGANO DA UN VEGETARIANO

Quando si parla di vegetariani e di vegani spesso si fa confusione, eppure ci sono delle sostanziali differenze tra questi due modelli alimentari.

Nella categoria dei vegetariani rientrano tutti coloro che escludono dalla propria dieta la carne proveniente da tutti gli animali, compresi pesci e volatili ; tuttavia essi non rinunciano a mangiare prodotti di derivazione animale come uova, il latte e i suoi derivati, ad esempio i formaggi.
Nella loro dieta è previsto anche il consumo dei classici dolci, purché non contengano lo strutto o altri additivi estratti da animali.
Non a caso essi sono anche definiti latto-ovo-vegetariani, categoria in cui spesso si includono erroneamente anche i semi-vegetariani, ovvero coloro che si nutrono di carne meno di una volta a settimana. Allo stesso modo è sbagliato includere in questo insieme anche coloro che si astengono dalla carne ma consumano abitualmente il pesce.
I vegani sono coloro che non solo escludono dalla loro dieta la carne, ma eludono anche qualsiasi alimento di provenienza animale, prediligendo pietanze di origine vegetale.
Un vegano fa una scelta molto più accurata dei cibi che consuma, prestando la massima attenzione anche alle etichette dei prodotti industriali, per evitare tracce di derivazione animale.
Un'altra differenza importante tra questi due tipi di diete è che per i vegani non si tratta solo di una presa di posizione a livello alimentare, come lo è per i vegetariani.
Chi sceglie di essere vegano, fa una scelta etica che porta a rifiutare tutti i prodotti che derivano da uno sfruttamento animale, allargando il campo ai materiali come il cuoio, la seta, la lana e le pellicce. Lo stile di vita vegano comporta anche la rinuncia di prodotti cosmetici che siano stati testati sugli animali, e di alcuni sport come la caccia e l'ippica.
Nella macro categoria dei vegani vi è poi un'ulteriore distinzione tra quelli assoluti e quelli salutisti; i primi sono coloro che sposano la causa della difesa degli animali, in nome di maggiori diritti per la loro salvaguardia e per preservarli dalla sofferenza.
Dei salutisti fanno parte quelli che non consumano alimenti di origine animale per prevenire malattie e proteggere la propria salute, orientandosi verso uno stile di vita salutare ed equilibrato.
Dunque vegani e vegetariani, sebbene molto simili come categorie, presentano notevoli differenze che hanno a che fare con la scelta che sta a monte, prima di intraprendere una precisa dieta alimentare. Molte persone passano dalla dieta vegetariana a quella vegana, e da quest'ultima il passo verso altri regimi è ancora più semplice; vi è infatti la possibilità di diventare granivori (cibandosi solo di cereali) crudisti (mangiando solo verdure crude) oppure frugivori (dieta composta solo da frutta).

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista