Tonno in scatola, cosa non sappiamo?

Data Pubblicazione: 20/07/2017

Tonno in scatola, cosa non sappiamo?

Nelle nostre dispense è una presenza costante: il tonno in scatola non manca mai nella cucina. Ingrediente essenziale per varie ricette, è il pesce più utilizzato (almeno tra le conserve) nel nostro paese. I dati al riguardo sono molto chiari: il tonno in scatola è presente nel 94% delle dispense italiane e la metà degli italiani lo mangia almeno una volta a settimana. In particolare è un ingrediente molto apprezzato dai giovani e dalle famiglie con bambini.

Tonno in scatola, tutto ciò che occorre sapere

Del resto preparare le ricette con tonno in scatola è molto semplice e rapido. Forse proprio questa caratteristica rende il tonno molto usato dagli under 25. Ma questa conserva ittica ha anche interessanti proprietà nutrizionali. Ricca di iodio, fosforo, potassio, ha anche una buona quantità di Vitamine A e B, Omega 3 e Selenio. Dubbi ci sono per quel che riguarda la presenza di mercurio, cosa che mette in dubbio la possibilità di poter mangiare tonno in scatola in gravidanza. In realtà la quantità di questo metallo è inferiore ai limiti di legge. Nonostante ciò è preferibile, soprattutto per donne incinte e bambini sotto i 3 anni, consumare massimo 2 porzioni a settimana.

Ricette tonno in scatola

Importante per il consumo del tonno in scatola è saper leggere le etichette. Qui sono riportate le informazioni obbligatorie (tonno o conserva di tonno, ingredienti, peso sgocciolato e stabilimento di lavorazione) oltre ad alcune facoltative, partendo dalla specie del tonno. La maggioranza delle scatolette contiene il tonno pinna gialla: con il tonnetto striato rappresenta il 90% della produzione mondiale. Il tonno rosso del Mediterraneo è invece usato in maniera limitata in quanto a rischio di estinzione. Altra informazione facoltativa è la zona di pesca. Si indica con una lettera per l'oceano e un numero per la zona Fao. Meno presente è il metodo di pesca: reti a circuizione o a canna, mentre sono ormai in diminuzione la pesca con palamiti e i Fad. Il tonno può essere conservato sott'olio (di oliva o di girasole), oppure al naturale (appena il 14% del mercato). Da segnalare l'assenza dei conservanti. Ora sapete tutto sul tonno e potete sbizzarrirvi con tante gustose. Ve ne segnaliamo alcune: carbonara con tonno in scatola pennette al tonno  insalata di tonno e peperoni  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DIETA DIGIUNO INTERMITTENTE: QUANDO E COSA MANGIARE

Dieta digiuno intermittente come funziona? Quante volte ne abbiamo sentito parlare, ma come si attua una dieta del digiuno intermittente? Scopriamolo ...

Continua a leggere

COME NON SUDARE D'ESTATE, I CIBI DA EVITARE

Se vi state domandando come non sudare, sappiate che l’alimentazione gioca un ruolo di fondamentale importanza. Già perché il caldo e l’afa di ...

Continua a leggere

ALIMENTAZIONE BAMBINI: CIBI DA MANGIARE ED EVITARE IN ESTATE

L’alimentazione bambini è un argomento molto sentito da tutti i genitori. Quando arriva l’estate poi, con le vacanze e il mare, il dibattito ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista