Termometro per alimenti, quale scegliere e come usarlo

Data Pubblicazione: 16/01/2017

Termometro per alimenti, quale scegliere e come usarlo

In una cucina che si rispetti non può mai mancare il Termometro per alimenti. Inutile girarci intorno: la temperatura nella preparazione del cibo è fondamentale. Strumento indispensabile per far sì che il vostro piatto sia perfetto. Certo si può ricorrere ai trucchetti della nonna (mai provato a vedere il punto di cottura della carne infilandola con coltello?) ma perché non sfruttare i passi avanti della tecnologia?

Termometri alimentari: il forno ballerino

Qualcuno potrà obiettare che nella cottura al forno basta impostare la giusta temperatura, ma non è così: i gradi nel forno non sono mai costanti. Si ha un'oscillazione di più o meno venti gradi durante tutte la cottura. Questo perché il forno non riesce a restare fisso sugli stessi gradi: per raggiungere la temperatura impostata, parte con qualche grado in più, poi scende al di sotto del livello richiesto, poi risale e così via. Per rimediare a questo andamento altalenante si può accendere il forno un'ora prima di infornare ma non sempre basta. Allora ecco che potete aiutarvi con termometro da forno: realizzato in acciaio inossidabile, si appende alla griglia e misura la temperatura all'interno del forno (non quella degli alimenti quindi).

Termometri cibi, quando usarli

Bene, della temperatura del forno abbiamo capito di non poterci fidare. Ma quando è necessario utilizzare il termometro alimentare? L'elenco è numeroso: si va dalla frittura alla lievitazione per preparare ad esempio il panettone. Poi per temperare il cioccolato, per il vino o la birra, per servire i formaggi e l'elenco potrebbe continuare ancora.

Quale termometro per alimenti usare

Ma vediamo quali tipi di termometri alimentari esistono e quali usare. Possiamo dividerli in due grandi categoria: termometri da contatto o a inserimento e i termometri senza contatto o a infrarossi. I primi si dividono in quattro gruppi:
  1. Termometro da arrosti: con una sonda metallica di una decina di centimetri si arriva al centro del nostro piatto per verificarne la temperatura. Per questo è anche definito termometro da temperatura al cuore. Attenzione perché non tutti resistono al calore del forno. Per una rilevazione precisa occorre tenere inserito il termometro per venti secondi circa nella parte più polposa della carne. Se ci troviamo a misurare alimenti piatti (hamburger o costolette di maiale) il termometro va infilato in orizzontale.
  2. Termometro a sonda per alimenti: Spesso si tratta di termometro digitale per alimenti, avvisa con un segnale acustico quando si è raggiunta la temperatura ottimale. Arriva a misurare da sotto lo zero a 300 grandi e quindi può essere utilizzato anche per lievitati, confetture e fritture. Fondamentale per barbecue e grigliate.
  3. Termometro per friggere: non può mancare nella cucina di chi non ha una friggitrice. Nella frittura, infatti, la temperatura dell'olio è fondamentale per la riuscita della cottura e per mantenere intatti le qualità nutritive dell'olio. Questi termometri sono dotati di clip per attaccarli ai bordi delle pentole.
  4. Termometro da zucchero: definito anche caramellometro, ricorda il termometro per misurare la febbre ma non è presente il mercurio. Formato da vetro e acciaio inox, lo si apprende al bordo della pentola. Importante per la temperatura dello zucchero quando si preparare il caramello, può anche essere utilizzato per misurare la temperatura di liquidi.

Altri termometri ad inserimento

Della famiglia dei termometri da contatto fanno parte anche altri tipi, più specifici: termometro da cioccolata (realizzato in plastica resistente al calore), termometro per la lievitazione o quello da vino. Quest'ultimo merita un capitolo a parte: la temperatura del vino è fondamentale per esaltarne le caratteristiche. Così uno spumante secco va servito a 4-6°, mentre uno dolce o un vino frizzante va servito a 6-8°. Per vini giovani e rosati, la temperatura ideale è tra gli 8 e i 10°, mentre sale un po' per vini bianchi strutturati, passiti e liquorosi bianchi (10-12°). Così si sale fino ai 16-18° dei vini rossi evoluti di grande tannicità.

Termometro alimenti senza contatto

Il termometro per alimenti senza contatti è uno strumento professionale che permette di misurare la temperatura tramite infrarossi. Chiamato anche pirometro è utilizzabile per alimenti con superfici troppo lucide e per misurazioni attraverso un vetro. Ideale per il forno della pizzeria.

Pulire il termometro

per alimenti Fondamentale per i termometri alimentari è la pulizia. Subito dopo ogni utilizzo, occorre lavare la sonda con acqua calda e sapone e togliere eventuale sporco dal resto del termometro attraverso una soluzione igienizzante per alimenti. Attenzione poi a non far formare la ruggine: asciugate bene il termometro in ogni sua parte. Come usare la carta da forno

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

LISTERIA, COME CONGELARE SENZA RISCHIARE

Un nome che sentiamo sempre più spesso, soprattutto negli ultimi giorni: listeria. Si tratta di una famiglia di batteri che può essere rischiosa ...

Continua a leggere

CIBO A DOMICILIO, SUCCESSO DELLE APP: CUCINARE VA IN SOFFITTA?

Un trend in continua crescita che presto potrebbe portare alla ‘scomparsa’ delle cucina: è il cibo a domicilio, una moda che anche in Italia ha ...

Continua a leggere

GAMBE PERFETTE, LE REGOLE PER L'ALIMENTAZIONE DA SEGUIRE

Chi non vorrebbe avere gambe perfette? Purtroppo il gonfiore è tra i sintomi più ricorrenti, soprattutto in piena estate. Eppure, oltre ad un ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista