Puzza di fritto: i 5 trucchi della nonna per evitarla

Data Pubblicazione: 03/07/2018

Puzza di fritto: i 5 trucchi della nonna per evitarla

Si può lasciarsi andare ad una frittura senza puzza? E’ possibile gustarsi un qualsiasi piatto fritto, senza per forza dover poi convincere per giorni e giorni con la puzza di fritto? Sebbene sembri impossibile, una frittura senza puzza si può fare! Basterà seguire qualche piccolo trucchetto per potersi concedere il lusso di friggere in casa, senza però combattere poi con il cattivo odore che andrà ad impregnare vestiti, tende e divani. Abbiamo visto come eliminare la puzza di fritto, ora vedremo come non farla proprio comparire.
Ci sono i cinque trucchi della nonna che funzionano sembra. Il primo è una fettina di mela: andrà messa nell’olio prima di friggere. Questo aiuterà a prevenire la puzza e soprattutto ti dirà quando l’olio avrà raggiunto la giusta temperatura. Se vi accingete a preparare una frittura di pesce, la puzza andrà evitata con acqua e aceto: mettere questa miscela a bollire vicino alla pentola in cui state friggendo. Niente più odore, tranne quello di aceto ovviamente. E se neanche questo vi piace, provate a sostituirlo con chiodi di garofano: anche in questo caso il vapore andrà a coprire la puzza di fritto.

Stop alla puzza di fritto: basta un poco di limone


Attenzione però ad una frittura lunga: in questo caso il rimedio è dato dal limone! Occorrerò spremerne mezzo nell’olio e poi mettere dentro anche la buccia. In questo modo la frittura avrà un aroma molto bello e la puzza di fritto sarà soltanto un lontano e spiacevole ricordo.
Importante poi anche l’olio utilizzato per la frittura e la temperatura. Nel primo caso, l’olio da usare è quello di oliva: le fritture saranno migliori e soprattutto le sue proprietà resistono a temperatura fino a 200°C. Per un gusto più delicato occorrerà invece scegliere l’olio di semi di arachidi: in questo caso la temperatura massima dovrà essere 190°C. A proposito di temperatura: per verificare se è quella giusta potete immergere nell’olio un pezzo di pane o un cucchiaio di legno. Se si formeranno delle bollicine, è il momento di iniziare la frittura. Seguendo questi trucchi non ci sarà il pericolo di finire in tribunale visto che ormai è cosa nota che la puzza di fritto è reato.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista