Pomodori per sugo, le varietà da usare

Data Pubblicazione: 14/08/2017

Pomodori per sugo, le varietà da usare

Sapore inimitabile, condimento immancabile: i pomodori per sugo sono preziosi quasi come fossero oro. Ma quando si va a preparare il sugo di pomodoro per pasta occorre anche sapere qual è la specie giusta per preparare la classica salsa, ricetta che non può mai mancare nel menu di una casa, in particolar modo di una italiana. Dici sugo è si pensa subito all'Italia: il classico piatto di pasta con il sugo è un simbolo del made in Italy diffuso in tutto il mondo. Ma quali sono i pomodori per sugo, le varietà che meglio si adattano ad essere preparare come salsa? La scelta è complicata visto che esistono ben quattromila varietà di pomodori. Difficile districarsi tra tanta possibilità di scelta.

Pomodori per sugo, il San Marzano

Provando a fare un po' di luce tra i migliori pomodori per sugo, è impossibile non partire dai San Marzano. E' proprio questa la varietà scelta anche dalla grande industria per fare il classico pelato. Le loro caratteristiche rendono questi pomodori ideali per essere utilizzati per la preparazione delle conserve, sia interi che passati. Questa varietà è anche indicata per la preparazione di sugo al pomodoro per bambini.   Non da meno sono i classici pomodorini, altro gruppo tipico della Regione Campania. Ad esempio la varietà datterino è indicata per essere fatta in padella. Dopo averli cotti con olio, aglio e peperoncino, si toglie la pelle e si passano ottenendo una salsa molto liquida che poi va fatta restringere sul fuoco. Questo tipo di sugo è ideale per un piatto di pesce come ad esempio il sugo di calamaretti.

Pomodori, le regole da seguire

Sempre in tema di pomodori per sugo, ci sono alcune regole da tenere a mente. Si tratta di piccoli accorgimenti da adottare prima di servire i pomodori. Ad esempio a crudo non vanno mai aggiunti aceto e limone, aumenterebbe la già elevata acidità di questo ortaggio. Inoltre il sale va aggiunto poco prima di servirli a tavola perché ricchi di acqua: in questo modo si riuscirà a tenerli compatti. Infine, riutilizzate gli scarti dei pomodori. I semi possono essere usati per l'umami, mentre la pelle può essere sfruttata per fare graziose decorazioni.  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE NEI SOGNI

A chi non è mai capitato di mangiare nei sogni? Al risveglio subito pronti a controllare la smorfia, magari per vedere quali numeri giocare oppure ...

Continua a leggere

CUCINARE ATTO D'AMORE

Cucinare atto d’amore! Del resto cosa c’è di meglio che offrire il proprio tempo per saziare le voglie di chi si vuole bene? Cucinare è ...

Continua a leggere

CUCINARE SULLA PIETRA OLLARE

E’ sempre più in voga cucinare sulla pietra ollare: si tratta di una lastra minerale, in inglese nota con il termine di soapstone proprio per la ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista