Mangiare di notte

Data Pubblicazione: 21/05/2016

Mangiare di notte

Spuntino notturno: i cibi nemici del sonno e della linea

Fame notturna? Meglio evitare alcuni cibi per assicurarsi un buon sonno e tenere alla larga sovrappeso ed indigestioni. 

A chi non è capitato di avvertire un leggero languorino nel bel mezzo della notte? Gli spuntini notturni non sono da demonizzare, a patto che si sappiano evitare i cibi sbagliati. Una delle tentazioni notturne più gettonate sono senza dubbio le creme spalmabili: come rinunciare ad una simile bontà? Il problema è che, essendo altamente caloriche, smaltirle solamente dormendo risulta impossibile, col risultato di farci accumulare chili in più. Stesso discorso vale per il pane: va bene durante il giorno, quando si ha il tempo per smaltire i carboidrati, ma consumarli la notte porterà inevitabilmente ad accumularli nell'organismo trasformandoli in grasso. Niente da fare anche per il gelato: tanti zuccheri portano ad un riposo disturbato. Senza contare che i grassi saturi, anziché essere digeriti lentamente come avverrebbe durante il giorno, di notte hanno solamente l'effetto di appesantire la digestione, compromettendo la qualità del sonno. Stesso discorso per i torroncini: secondo uno studio americano questi dolcetti aumenterebbero addirittura l'insorgere di incubi notturni.
Al bando il cioccolato e altri stimolanti contenenti caffeina: aumentano il battito cardiaco ed impediscono un sonno sereno, causando così un senso di stanchezza e malessere generale al mattino.
Passando invece agli spuntini salati, anche le patatine fritte sarebbero da evitare: si tratta infatti di calorie aggiuntive senza un reale beneficio per l'organismo. Meglio sgranocchiare una carota cruda o consumare un pugno di mandorle. Persino la pizza è inadatta come snack notturno: la salsa di pomodoro infatti può creare acidità di stomaco e gli eventuali condimenti non farebbero altro che rendere la digestione difficoltosa. Persino alcuni cibi ritenuti sani possono essere poco adatti come spuntino al chiaro di luna. Il sedano, ad esempio, essendo altamente diuretico potrebbe causare dei risvegli notturni per andare in bagno. La frutta invece, se consumata in eccessive quantità, può portare ad un accumulo di zuccheri nel corpo e quindi ad una digestione rallentata, oltre a creare fastidiosi gas intestinali.
Infine un luogo comune da sfatare: bere alcol prima di andare a dormire non favorisce affatto il sonno, al contrario disidrata l'organismo e pur generando un iniziale senso di torpore disturba le fasi di sonno REM.

Lo spuntino notturno non è un tabù, basta saper scegliere con intelligenza gli alimenti. E domandarsi se il nostro bisogno di cibo sia davvero dettato dalla fame o da qualche altro bisogno più profondo.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DIETA DIGIUNO INTERMITTENTE: QUANDO E COSA MANGIARE

Dieta digiuno intermittente come funziona? Quante volte ne abbiamo sentito parlare, ma come si attua una dieta del digiuno intermittente? Scopriamolo ...

Continua a leggere

COME NON SUDARE D'ESTATE, I CIBI DA EVITARE

Se vi state domandando come non sudare, sappiate che l’alimentazione gioca un ruolo di fondamentale importanza. Già perché il caldo e l’afa di ...

Continua a leggere

ALIMENTAZIONE BAMBINI: CIBI DA MANGIARE ED EVITARE IN ESTATE

L’alimentazione bambini è un argomento molto sentito da tutti i genitori. Quando arriva l’estate poi, con le vacanze e il mare, il dibattito ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista