La colazione veg: un nuovo modo di intendere il breakfast

Data Pubblicazione: 24/07/2015

La colazione veg: un nuovo modo di intendere il breakfast

La colazione è il pasto più importante della giornata: dopo tante ore di digiuno, è fondamentale recuperare le energie ingerendo gli zuccheri.

E' importante iniziare la giornata con la marcia giusta: c'è chi preferisce appesantirsi con colazioni iperproteiche, come la classica colazione all'inglese o all'americana, e chi invece preferisce fare una colazione più equilibrata. 
La tendenza degli ultimi tempi è quella della colazione veg, una scelta etica e salutistica che sta coinvolgendo sempre più italiani a tavola. L'aumento delle intolleranze alimentari, la diffusione di cibi contaminati e dannosi per la salute, sta spingendo gli italiani verso unapproccio vegano al cibo.
E' possibile quindi sostituire l'amato cappuccio e brioche con un cappuccio vegetariano a base di latte di soia o una brioche veg, realizzata con burro di cacao. 

L'aumento della richiesta di una colazione vegetariana ha indotto molti panificatori a cambiare il modo di lavorare per stare al passo con i tempi. Ciò non significa che sono spariti i tanto amati croissant o le crostatine, ma sono stati affiancati da prodotti realizzati senza far uso di prodotti di origine animale. 
Così Francesca Morandini, figlia del noto lievitista Morandini, e Roberta Pezzella, socia del panificatore Bonci, hanno suggerito al Fatto Quotidiano delle valide alternative vegane alla classica colazione. I biscotti vegani ad esempio si trovano facilmente in commercio e sono realizzati con semi di girasole, miglio, nocciole o carote. Anche i prodotti lievitati si trovano facilmente: brioche, panettoni vegetali, ripieni di frutti di bosco o mele candite e noci. Presso i panifici e i bar potete trovare crostatine vegetali realizzate con zucchero di cocco e cioccolato, ciambelle al vino, centrifughe di frutta, latte di soia, latte di mandorla; l'offerta è davvero varia. Dalla testimonianza di Francesca Morandini e Roberta Pezzella è emerso chiaramente che un professionista deve cercare sempre di migliorarsi e di rispondere alle esigenze dei propri clienti. 
Reperire materiali vegetali non è facile e i costi di produzione sono davvero elevati, ma dall'altro canto queste spese maggiori sono ripagate da un'ampia richiesta dei prodotti vegetali da parte del consumatore. 

Iniziare una dieta vegana è una decisione presa per questioni salutistiche e morali. E' una valida alternativa per coloro che soffrono di intolleranze e che così possono gustarsi una buona colazione ogni mattina.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

BAMBINI CAPRICCIOSI A TAVOLA: COME RIMEDIARE

I bambini capricciosi a tavola possono essere un grande grattacapo: riuscire a mangiare affrontando i capricci dei bambini può risultare ...

Continua a leggere

MANGIARE TARDI FA MALE: ECCO PERCHÉ

E’ diventata ormai un’abitudine per molte persone, ma mangiare tardi a cena non fa bene al nostro organismo. Con una vita sempre più frenetica e ...

Continua a leggere

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista