La classifica dei 12 alimenti più contaminati

Data Pubblicazione: 30/09/2016

La classifica dei 12 alimenti più contaminati

Un'organizzazione no profit americana ha stilato La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi  Nell'ottava edizione della Shopper's Guide to Pesticides in Produce, compilata dall'associazione statunitense EWG (Environmental Working Group) sono stati presi in disamina 45 tipi di ortaggi e frutta e successivamente è stata stilata una top 12 riguardante gli alimenti con maggiore concentrazione di pesticidi. I dati sono a dir poco sconcertanti, ecco quali sono: 1)  a sorpresa, al primo posto, si trovano le MELE, a cui seguono la-classifica-dei-12-alimenti-piu-contaminati-dai-pesticidi-primo-posto-le-mele 2) il SEDANO, La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi secondo posto il <h4>Sedano</h4> 3) i PEPERONI La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi terzo posto i Peperoni 4) le PESCHE, La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi quarto posto le Pesche 5) le FRAGOLE La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi quinto posto le Fragole 6) e le PESCHE NETTARINE La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi sesto posto le Pesche Nettarine.jpg 7) Al settimo posto, fra la frutta e la verdura più inquinata, si trova l'UVA, La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi settimo posto l'Uva 8) a cui seguono gli SPINACI all'ottavo posto, La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi ottavo posto gli Spinaci 9) la LATTUGA, La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi nono posto la Lattuga 10) i CETRIOLI, La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi decimo posto i Cetrioli 11) i MIRTILLI La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi undicesimo posto i Mirtilli 12) ed infine le PATATE La Classifica dei 12 alimenti più contaminati dai pesticidi dodicesimo posto le Patate Nell'elenco dei vegetali più virtuosi invece si trovano sul podio: CIPOLLA, il MAIS e l'ANANAS, e dal quarto a scalare l'AVOCADO, il CAVOLO, i PISELLI, gli ASPARAGI, il MANGO, la MELANZANA, il KIWI, il MELONE, le BATATE (patate dolci), il POMPELMO, l'ANGURIA e alla postazione dodici i FUNGHI.   Gli scienziati dell'EWG hanno effettuato diversi test per cercare di individuare tracce di antiparassitari utilizzati negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration e dall'USDA (Dipartimento statunitense dell'agricoltura). I campioni analizzati, sfogliati o lavati precedentemente, sono stati messi sotto esame attraverso vari test prima di compilare la lista definitiva, di modo che i quantitativi di sostanze chimiche presenti sui vegetali fossero affini a quelli presenti negli alimenti che si consumano effettivamente a tavola. Nel caso delle mele è stato scoperto che il 98% dei campioni testati presentava ben 48 pesticidi differenti. Il primato delle mele sarebbe da attribuire al fatto che i pesticidi vengono irrorati principalmente in seguito al raccolto per garantire una maggiore durata di conservazione ai frutti. Nonostante la lista mostri dei dati poco rassicuranti, in questo frangente l'EWG ha tenuto a precisare che, nonostante i rischi siano innegabili, i benefici che derivano dal consumo di frutta e verdura restano comunque maggiori, anche in casi come questo. Queste dichiarazioni hanno lasciato molti consumatori perplessi al punto da far ipotizzare che dietro la nota associazione no profit vi sia in realtà qualche multinazionale appartenente al settore agro-alimentare. Una questione poco chiara, sebbene la EWG abbia messo più di una volta in allerta i consumatori riguardo i rischi legati all'esposizione ai pesticidi. In attesa di far maggiore chiarezza sulla questione, non resta che LAVARE SEMPRE ACCURATAMENTE

FRUTTA

E VERDURA PRIMA DEL CONSUMO (anche, se possibile, con l'utilizzo di bicarbonato o di prodotti i commercio utili a tale uso) o affidarsi ai prodotti biologici, preferibilmente a chilometro zero ed attuare un consumo responsabile degli alimenti controllandone sempre la provenienza al momento dell'acquisto.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE PIZZA FA AVERE SUCCESSO SUL LAVORO

Non solo bontà tutta da assaporare: mangiare pizza fa avere successo sul lavoro! E’ l’incredibile scoperta fatta da uno psicologo americano Dan ...

Continua a leggere

QUANTA VITAMINA D ASSUMERE OGNI GIORNO

Quanta vitamina D occorre assumere ogni giorno? E’ risaputo che parliamo di una sostanza che apporta benefici al nostro organismo. La vitamina D è ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A COLAZIONE PER DIMAGRIRE

Un abbondante colazione per dimagrire. Sembrerà un controsenso ed invece è la ricerca scientifica a dirlo: il primo pasto del giorno deve essere ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista