Il latte vegetale

Data Pubblicazione: 31/10/2017

Il latte vegetale

Il latte vegetale: le informazioni per scegliere il migliore

Sempre più persone sostituiscono il latte vaccino con il latte vegetale. Intolleranze o semplicemente questione di gusto alla base di questa scelta. Ma quali sono i tipi di latte vegetale? Quali le differenze dal punto di vista di sapore?

Iniziamo con il vedere perché si sceglie il latte vegetale. Si tratta di un ‘obbligo’ per tutti coloro che sviluppano un’allergia o un’intolleranza verso il latte vaccino. Altri, invece, preferiscono il vegetale per una questioni etiche. Il latte vegetale presenta più proteine e vitamine ma meno calorie. Nessuna differenza, invece, per le caratteristiche cui prestare attenzione per sceglierlo: ad esempio occorre verificarne la provenienza (accortezza soprattutto da fare con il latte di soia), evitare i prodotti con zuccheri aggiunti e quelli dove non è specificato l’olio vegetale utilizzato.

Per quanto riguarda le controindicazioni, anche con il latte vegetale si può andare incontro ad allergie. Cosa valida soprattutto con noci, mandorle e soia.

Il latte vegetale, quale scegliere

Per chi si imbatte per la prima volta nel latte vegetale, sorge il dilemma di quale scegliere. Il latte di soia è sicuramente quello più diffuso e conosciuto. Presenta una quantità di proteine simili a quello animale, ma non ha grassi saturi. Inoltre il suo sapore è particolare e questo lo rende non apprezzato da tutti. Ottimo per chi soffre di cuore e ha il colesterolo alto o il diabete. Da non consumare per chi è allergico al nichel e per i celiaci o intolleranti al glutine.

C’è poi il latte di riso, il tipo più digeribile. Non ha glutine, ma è caratterizzato da poca presenza di proteine e molti zuccheri: attenzione quindi per chi soffre di diabete. Assenti o quasi vitamine e minerali. Molto più completo a livello nutrizionale è il latte di mandorla: sapore dolce, ricco di calcio, antiossidanti, minerali e senza glutine. Una delle controindicazioni è il prezzo: troppo alto. Simile dal punto di vista nutrizionale è il latte di avena: leggero, con poche proteine ma una buona quantità di vitamine E ed acido folico. Infine, il latte di cocco: molto calorico, ricco di grassi saturi, ha la stessa quantità di proteine, o quasi, del latte vaccino. Il sapore è uno dei migliori.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista