Il galateo nei rapporti di buon vicinato

Data Pubblicazione: 11/11/2015

Il galateo nei rapporti di buon vicinato

Succede che tra vicini si verifichino delle discussioni molto animate o vere liti. Il galateo ci aiuta a realizzare invece una pacifica convivenza. 

Nelle discussioni tra vicini di casa i rapporti rischiano di rovinarsi soprattutto per mancanza di un corretto comportamento e di buona educazione. Basta anche solo il buon senso per calmare gli animi e mantenere la pace. Il bon ton evita contrasti e porta a rapporti tranquilli. La prima regola quando si arriva in un condominio per la prima volta è quella di presentarsi ai vicini. Il gesto porrà le basi per una buona convivenza perché sarà apprezzato ed il nuovo arrivato sarà subito considerato una brava persona. Se non si possiede un posto auto occorre evitare di fare polemiche per il parcheggio soltanto perché è di fronte alla propria finestra. Bisogna sempre salutare i vicini ed avere una condotta rispettosa. Piccole gentilezze come mantenere aperta una porta, prestare il cellulare o aiutare a portare un pacco, contribuiranno a stabilire una buona relazione. Un'altra regola del galateo nei condomini è astenersi dal fare pettegolezzi perché rovina i rapporti. Occorre rispettare il silenzio in determinati orari, di solito dalle 22 o 23 fino alle 7 e dalle 14 alle 16 o alle 17, per non disturbare nessuno. Si può ascoltare della musica con gli auricolari, non si devono utilizzare elettrodomestici rumorosi ed i bambini non devono urlare. Non bisogna occupare gli spazi comuni con i veicoli, se non per poco, né con altri oggetti grandi né rifiuti. Un'altra regola del bon ton prevede di fare attenzione che i panni stesi ed i vasi di fiori annaffiati non sgocciolino in spazi altrui o sui vicini stessi. Non bisogna effettuare lavori di riparazione o modifica di aree comuni senza avvertire l'amministratore. In questo modo si riuscirà ad andare d'accordo con gli altri inquilini. Se invece che in un condominio si abita in una villetta a schiera ci sono meno probabilità ed occasioni di discussione. L'applicazione del buon senso e del galateo è più semplice. Per esempio, se si cuoce della carne in giardino occorre fare attenzione che il fumo non dia fastidio al vicino; se si innaffiano le siepi non bagnare i vicini o qualche loro proprietà. I lavori su muri condivisi vanno fatti secondo le normative legali ed occorre rispettare le distanze tra le villette e le altezze delle parti strutturali. Se poi si vive in una casa o villa singola la convivenza con i vicini è molto più semplice grazie alle distanze maggiori tra le costruzioni.

I buoni rapporti con il vicinato permettono una vita serena e vantaggiosa perché si possono scambiare dei favori. Il bon ton impedisce che si creino quelle situazioni in cui non ci si sente completamente a proprio agio nell'edificio in cui si abita. 

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CARNE, 5 MITI DA SFATARE

La mangiano quasi tutti, qualcuno addirittura esagera, ma in pochi conoscono realmente i segreti per cucinarla al meglio. La carne fa parte della ...

Continua a leggere

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista