Functional foods

Data Pubblicazione: 11/05/2016

Functional foods

I functional foods: gli alimenti arricchiti per migliorare la salute e prevenire le malattie

Arrivano in functional foods, i cibi funzionali, alimenti speciali che non solo nutrono l'organismo ma offrono anche mirati benefici per la salute!
 
Gli alimenti funzionali sono ormai una realtà, anche se il termine functional foods ha un che di fantascientifico. Questi prodotti sono studiati dagli esperti per incrementare lo stato di benessere fisico e psicologico nonché prevenire alcune malattie. Danno quindi dei vantaggi aggiuntivi rispetto ai cibi classici e si basano sul concetto di alimentazione ottimale e non soltanto corretta. Anche se per molti il termine inglese è del tutto nuovo, alcuni hanno certamente avuto modo di provarli o di vederli tra gli scaffali dei supermercati. Alcuni esponenti di rilievo della comunità scientifica europea, enti governativi, aziende alimentari ed agricole, hanno deciso insieme quali devono essere i principali concetti dei functional foods, in modo da garantire un serio approccio scientifico. La caratteristica comune a tutti i cibi di questo tipo è avere benefici su una o più funzioni dell'organismo. Questi effetti positivi si verificano quando gli alimenti sono consumati all'interno di una corretta dieta. Generalmente gli alimenti funzionali sono del tutto simili a quelli tradizionali da cui derivano, per ciò che riguarda il sapore, l'odore e l'aspetto. In Europa questi prodotti sono conosciuti da poco tempo ma in Paesi come il Giappone sono noti da decine di anni. Molti esperti ritengono che i functional foods debbano essere utilizzati in base all'età della persona e per la prevenzione di specifiche malattie di una fase della vita. Per esempio, alcuni prodotti sono utili alle donne in menopausa, per contrastare l'osteoporosi, ed altri agli uomini sopra i 50 anni, per combattere le malattie cardiovascolari. La FAO, l'OMS e il Codex Alimentarius, il Consiglio d'Europa e vari organi delle nazioni, si prefiggono di definire dei codici di comportamento per far sì che le dichiarazioni sugli effetti benefici per la salute da parte dei produttori di cibi funzionali abbiano validità medica e scientifica. Le informazioni riportate sulle confezioni non devono essere ingannevoli né frutto di teorie o fantasie. Devono basarsi sulle prove biochimiche che il prodotto funziona davvero, come abbassare il colesterolo o ridurre l'ipertensione. Tra gli alimenti in commercio troviamo: le uova arricchite con omega-3, per diminuire i rischi di infarto; i cereali tostati con aggiunta di acido folico, per ridurre i rischi di neonati con spina bifida; i già noti yogurt con probiotici, per migliorare la flora intestinale; le barrette con isolflavoni per prevenire i tumori. 
 
I functional foods possono certamente offrire benefici per la salute, ma occorre ricordare che non sono alimenti "magici" ma un'integrazione nel contesto di una nutrizione sana ed equilibrata insieme a uno stile di vita attivo. 

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE PIZZA FA AVERE SUCCESSO SUL LAVORO

Non solo bontà tutta da assaporare: mangiare pizza fa avere successo sul lavoro! E’ l’incredibile scoperta fatta da uno psicologo americano Dan ...

Continua a leggere

QUANTA VITAMINA D ASSUMERE OGNI GIORNO

Quanta vitamina D occorre assumere ogni giorno? E’ risaputo che parliamo di una sostanza che apporta benefici al nostro organismo. La vitamina D è ...

Continua a leggere

COSA MANGIARE A COLAZIONE PER DIMAGRIRE

Un abbondante colazione per dimagrire. Sembrerà un controsenso ed invece è la ricerca scientifica a dirlo: il primo pasto del giorno deve essere ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista