Forno ventilato e statico: quali sono le differenze?

Data Pubblicazione: 03/02/2017

Forno ventilato e statico: quali sono le differenze?

E' il dubbio amletico che sorge ogni volta che dobbiamo utilizzarlo: forno ventilato e statico, qual è la differenza? Quali sono i piatti che preferiscono l'uno e quali l'altro? Non facciamoci mangiare dal dubbio, scopriamo insieme quale scegliere in base alla ricetta che stiamo preparando, evitando così di mandare all'aria tutto il lavoro per una scelta sbagliata!

Forno ventilato e statico: scopriamo le differenze

Partiamo dalla base e vediamo quali sono le differenze tra la cottura forno statico e la cottura forno ventilato. E' il modo in cui viene diffuso il calore all'interno del forno a cambiare. In quello ventilato, la ventola diffonde il calore in maniera uniforme in tutto il forno. Ciò rende possibile, ad esempio, cucinare più piatti in contemporanea. Nel caso del forno statico, il calore si diffonde tramite resistenze. Si ha così una cottura più lenta e non è possibile cuocere più ricette insieme.  Da considerare che esistono anche forni termoventilati che hanno una resistenza circolare all'altezza della ventola e che garantiscono una maggiore uniformità della cottura, dando la possibilità di cuocere grandi quantità di cibo senza perdere efficacia.

Forno ventilato o statico: quale e per quale ricetta?

Una volta scoperte le differenze, quale forno usare per quale ricetta? Abbiamo detto che il forno ventilato assicura una cottura più rapida. Ideale per pasta al forno o lasagne, ma anche per arrosti, pesce in teglia o crostate. Al contrario, la cottura più lenta e meno intensa del forno statico, o forno non ventilato, è ottima per le preparazioni a base di lievito. Quindi pizza, pane, meringhe, pan di Spagna e tutti i lievitati. Capitolo importante meritano anche le temperature. Come si differenziano tra le due tipologie di forno? Si può dire che con il forno ventilato si ha una temperatura più alta di una ventina di gradi rispetto al forno statico.

E se abbiamo solo una tipologia di forno?

Scoperte le differenze tra forno ventilato e statico, se ci troviamo ad avere soltanto una tipologia di forno, dobbiamo armarci di ingegno. Se la ricetta necessita di un forno ventilato e non lo abbiamo, basterà alzare la temperatura di venti gradi, lasciando invariati i tempi di cottura. Se, invece, vi trovate nella condizione opposta, basterà abbassare la temperatura di venti gradi. Anche in questo caso i tempi di cottura resteranno invariati. Infine, i forni hanno anche la funzione grill che può essere utilizzata per dorare in breve tempo la superficie di un piatto. Attenzione però: la temperatura della resistenza è molto elevata e si corre il rischio di bruciare i cibi. Scopri qui delle ottime ricette da fare al forno.  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE NEI SOGNI

A chi non è mai capitato di mangiare nei sogni? Al risveglio subito pronti a controllare la smorfia, magari per vedere quali numeri giocare oppure ...

Continua a leggere

CUCINARE ATTO D'AMORE

Cucinare atto d’amore! Del resto cosa c’è di meglio che offrire il proprio tempo per saziare le voglie di chi si vuole bene? Cucinare è ...

Continua a leggere

CUCINARE SULLA PIETRA OLLARE

E’ sempre più in voga cucinare sulla pietra ollare: si tratta di una lastra minerale, in inglese nota con il termine di soapstone proprio per la ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista