Cucina del Trentino

Data Pubblicazione: 14/12/2015

Cucina del Trentino

UN VIAGGIO INDIMENTICABILE FRA I SAPORI DEL TRENTINO

Il gusto forte e genuino dei piatti tipici trentini si fonde con la più autentica tradizione tedesca ed austriaca: un mix appagante di sapori e spezie.

I prodotti autoctoni del Trentino consentono di preparare ottime pietanze, fortemente caratteristiche. Le ricette più ricche del repertorio culinario classico sono a base di mele, polenta e speck. Tre alimenti che evocano sensazioni avvolgenti, che fanno pensare alla qualità di una terra fertile, di una natura incontaminata. Fra i piatti più ricercati ritroviamo i canederli (knodel), sfere di pane raffermo impastato con altri ingredienti, fra cui lo speck. Cotti in un saporito brodo di carne, o in burro fuso e salvia, vengono spesso abbinati ai crauti (altro piatto tipico, a base di cavolo cappuccio sapientemente macerato in salamoia). Fra i primi più appetitosi, oltre agli gnocchetti avvolti nelle foglie di vite, i caponec, bisogna annoverare la polenta. La polenta, gustata in tutte le sue varianti, con grano saraceno, o mista alle patate, è un piatto unico davvero interessante. Completata dagli intingoli della tradizione, rappresenta un elemento costante sulla tavola dei trentini. Ottima con il peverà, un sughetto a base di cipolle e salsicce, o nella versione della Val del Chiese, con salamelle sfumate al vino rosso. Più deciso il sapore dello sguazet, un piatto poverissimo a base di frattaglie, ottimo in abbinamento alla polenta di granoturco o mora. Immancabile la zuppa di pane e olio (la panada) e la carne salada, lasciata marinare con vino bianco ed erbe aromatiche per più giorni, ottima da servire con fagiolini bianchi e cipolla conditi. Per quanto riguarda i secondi più caratteristici, ritroviamo i piatti a base di carne, come il cervo alla tirolese, molto elaborato, da accompagnare con gnocchi di zucca; i probusti, che ricordano i würstel, ed il gulash, molto saporito ed energetico, a base di carne di manzo, cipolle e paprika. Anche il pesce è molto utilizzato: particolarmente buoni i piatti a base di anguille cotte nel vino, e le trotelle alla trentina, preparate con salsa di limone e menta, con l'aggiunta di uvetta. I dolci più goduriosi della tradizione sono il famosissimo strudel, un rotolo di sfoglia ricco di mele aromatizzate, e lo zelten, tipico di Natale, realizzato con frutta secca, cognac e pasta di pane di segale.

Un variegato menù della tradizione, quello trentino, che appaga il palato in ogni periodo dell'anno (grazie anche agli eccellenti prodotti caseari). Un viaggio all'insegna dei sapori più autentici, un percorso enogastronomico entusiasmante, che sorprende e conquista, con la semplicità tipica della regione e la freschezza dei prodotti offerti.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista