Conservazione dei cibi: i 10 alimenti che conservate male

Data Pubblicazione: 11/02/2018

Conservazione dei cibi: i 10 alimenti che conservate male

Esistono anche errori nella conservazione dei cibi. Capita spesso di riporre alcuni alimenti nei posti sbagliati. Il risultato? Avere cibi non più buoni o comunque che hanno perso le loro caratteristiche nutrizionali. Ecco allora una guida su quali sono i 10 errori più comuni nella conservazione dei cibi: non mancheranno sorprese.

Si parte con un ingrediente che in cucina non può mancare mai: la farina! E’ abitudine comune lasciarla nella sua confezione di carta e riporla in un mobile: errato! Fare questo significa ridurre la durata della conservazione. Il metodo migliore, infatti, è tenerla in un contenitore di plastica da mettere in un luogo fresco. Questo per la farina bianca. Quelle integrali o di cereali vanno messe in frigorifero o congelate.

Dalla farina al pane: anche qui la conservazione degli alimenti spesso sbagliata. Guai a metterlo nel frigorifero, meglio un luogo fresco, asciutto e non esposto alla luce del sole. Se siete in una zona molto umida, non comprate più pane del necessario: meglio un acquisto quotidiano che un pezzo di pane andato a male.

Conservazione dei cibi, gli errori da non fare

Tra i cibi che si conservano male ci sono anche le patate. Niente frigorifero per non farle addolcire, niente luce diretta del sole, niente caldo. Da preferire un luogo fresco e buio come può essere una cantina. Niente conservazione in frigorifero neanche per il basilico: il freddo danneggia le sue foglie che in un paio di giorni si anneriranno. Meglio avvolgere gli steli in un tovagliolo di carta umido, richiuderli in una busta di plastica e lasciarli in un luogo fresco e asciutto. Possibile anche mettere gli steli in un vaso con dell’acqua e metterlo in un posto soleggiato.

Tra i 10 alimenti conservati male c’è anche la frutta secca. Non va tenuta a temperatura ambiente ma in frigorifero. Il contrario di quello che fa fatto per aglio e cipolla: da conservare in un luogo caldo e asciutto. E cosa dire di un alimento molto diffuso come il caffè? Anche lui entra nel lungo elenco degli errori nella conservazione dei cibi. Va tenuto in un contenitore ermetico e scuro, lontano da fonti di calore. Il vino, invece, va conservato su un lato se la bottiglia è chiusa con un tappo di sughero, in modo da mantenerlo umido. Niente posti dove arriva la luce diretta del sole. Infine, condimenti, come ketchup e senape, vanno conservati in frigorifero: le confezioni, una volta aperte, vanno consumate in pochi giorni.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista