Come estrarre una torta da uno stampo: tutte le soluzioni

Data Pubblicazione: 13/02/2018

Come estrarre una torta da uno stampo: tutte le soluzioni

Quando realizziamo un delizioso dolce, l’ultimo problema da affrontare prima di poterla gustare in tutta la sua bontà è estrarre una torta da uno stampo. Un procedimento non complicato ma che deve essere fatto con cura per evitare di rovinare tutto il lavoro. La prima cosa da sapere è quali stampi per torta possiamo usare. Ce ne sono di due tipi: quelli con il fondo estraibile e quelli con il fondo fisso. I primi ovviamente rendono la missione più agevole. Ne esistono di due tipi: quelli a cerniera che consentono di togliere il bordo esterno con il dolce che resta sulla base; quelli a fondo estraibile con anello. In quest’ultimo caso, è il fondo ad essere estraibile mentre il bordo è fisso. Per estrarre una torta, poggiamo una mano sulla base con il palmo aperto; con l’altra mano procediamo a sfilare l’anello, facendolo scorrere lungo il braccio (in pratica lo indossiamo come una sorta di braccialetto). Ottimo per crostate.

Gli stampi con fondo fisso, invece, rendono il procedimento un po’ più complicato. Le soluzioni per estrarre una torta sono due: foderare con carta da forno e rovesciare il dolce. Nel primo caso foderiamo la base con carta da forno bagnata e strizzata oppure dopo aver unto la teglia con del burro. I bordi della carta devono fuoriuscire oltre lo stampo per torta. In questo modo quando la cottura è terminata, prendiamo i bordi della carta e alziamo la dolce per posizionarla su un piatto.

Estrarre una torta da uno stampo: il metodo del rovesciamento

L’ultimo metodo è il più complicato. Occorrono due vassoi ed è consigliabile utilizzarlo per torte di una certa consistenza. Prima della cottura lo stampo deve essere ben imburrato. Terminata la cottura, con un coltellino a lama liscia stacchiamo i bordi dalla teglia. Ora posizioniamo un vassoio sopra la teglia. Con le due mani che tengono forte i due lati, procediamo al rovesciamento. Ora picchettiamo lo stampo per favorire la ‘caduta’ della torta a testa in giù nel vassoio, estraendo delicatamente lo stampo. Ora poggiamo il secondo vassoio sulla torta (in pratica sul fondo del dolce) e ripetiamo il rovesciamento in maniera decisa ma senza fare troppa pressione. Ecco la torta da gustare!

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBI INTEGRALI: VANTAGGI E SVANTAGGI

Sempre più spesso si sente parlare delle necessità di mangiare cibi integrali. Una inversione di tendenza rispetto a quanto accadeva fino a qualche ...

Continua a leggere

LA DIFFERENZA TRA GRANO DURO E GRANO TENERO

Se ne sente spesso parlare in cucina, ma in realtà in pochi conoscono la differenza tra grano duro e grano tenero. Si tratta di due differenti ...

Continua a leggere

DIFFERENZA TRA FARINE: DALLA 00 A QUELLA INTEGRALE, COSA CAMBIA?

Di tipi ce ne sono diversi, anche se la più diffusa è la 00: ma qual è la differenza tra farine di vari tipi? Restando alla farina di grano ne ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista