Come comportarsi e vestirsi ad una cerimonia del tè

Data Pubblicazione: 12/11/2015

Come comportarsi e vestirsi ad una cerimonia del tè

Ricevere un invito per una cerimonia del tè è sempre molto piacevole. Bastano pochi accorgimenti per onorare il rito: una mise adatta e le regole del bon ton.

Per la cultura giapponese, l'uso di questa pianta in infusione, corrispose sin dalla sua scoperta ad un momento intimo, da celebrare fra poche persone, all'insegna della spiritualità e della meditazione, fino a divenire, fra movimenti fissi e molto lenti, una forma d'arte. Anche in Gran Bretagna "il tè delle cinque" è una tradizione molto antica e molto sentita, un appuntamento immancabile, da ripetere più volte durante la giornata. Una moda che si sta diffondendo sempre di più in Occidente, per la raffinatezza dei gesti, ed il significato sublime. Quando si riceve un invito per una cerimonia del tè è perciò indispensabile sapersi comportare. Altrettanto doveroso, è sapersi vestire in modo adeguato. Presentarsi con un abbigliamento consono alla circostanza, ed esibire accessori delicati e chic, è di fondamentale importanza. Non è necessario risultare estremamente eleganti, ma signorili e fini, anche nelle movenze. Uno sfoggio di pregiati servizi in porcellana, di tovagliette e tovagliolini in lino, ricamati ed essenziali, immancabili stuzzichini da accompagnare alla bevanda, sia dolci che salati, fette di limone, latte, zucchero e miele, saranno alla base dell'indimenticabile momento. Tutto verrà servito con molta grazia, da ricambiare con sorrisi e conversazioni piacevoli. Non si dovrà fare altro che zuccherare a piacere il proprio tè, aggiungere eventualmente un sorso di latte o del limone, mescolando delicatamente, ed appoggiando il proprio cucchiaino sul piattino, a destra della tazza. É molto importante avvicinare la bevanda alle labbra con la mano destra, senza alzare il mignolo (a molti viene spontaneo, molti altri, a torto, lo considerano un gesto elegante), senza soffiarci sù per raffreddarla, bevendo con estrema cura, senza rumori alcuni. Al momento della degustazione dei biscotti, o delle tartellette salate, non si dovrà mai inzupparli (come avviene, in tutto relax, fra le mura domestiche). Mangiarli, servendosi dei piattini a disposizione e dei tovagliolini, è più che sufficiente. Poche regole, ma necessarie. Indispensabili per farsi ricordare, per distinguersi, per ringraziare.

Non bisogna mai dimenticare che ogni occasione che si rispetti, informale o formale che sia, mette alla prova le nostre conoscenze ed il nostro saper fare. Arrivare preparati, è gratificante, ma anche ammirevole. L'ora del tè è un'occasione speciale, come tante altre, e come tale va onorata. Non solo perchè è un momento di condivisione con le amiche, con le persone più care, ma anche e soprattutto per il significato intrinseco ed antichissimo del rito del tè.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

COME IMPIATTARE: DAGLI ANTIPASTI AGLI SPAGHETTI

Per una cena di occasione o semplicemente per fare bella figura con gli amici, impiattare è fondamentale. L’impiattamento spesso è un capitolo ...

Continua a leggere

COME PIEGARE I TOVAGLIOLI PER UNA TAVOLA PERFETTA

Quando si vuole apparecchiare la tavola in maniera perfetta, piegare i tovaglioli è di fondamentale importanza. Ma qual è la tecnica migliore per ...

Continua a leggere

MANGIARE PESCE FA VIVERE PIÙ A LUNGO

Mangiare pesce fa bene, non è certo un segreto. Si tratta di uno degli alimenti più preziosi per l’organismo umano: ricco di nutrienti, è anche ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista