Cibi scaduti: quando si può mangiarli

Data Pubblicazione: 01/07/2018

Cibi scaduti: quando si può mangiarli

Avere in casa dei cibi scaduti non è così infrequente. Quante volte avete dimenticato quella bottiglia di latte che scadeva il giorno prima o quel formaggio che ormai ha fatto la muffa? Un bel problema ritrovarsi con il cibo scaduto che spesso è risolto nell’unico modo possibile: buttare tutto nella spazzatura.
In realtà non è detto che un alimento scaduto vada gettata per forza. E’ possibile, in alcuni casi e soltanto in determinate condizioni, comunque utilizzare i cibi scaduti. Vediamo come e quali sono i pericoli connessi. Partiamo da una regola base: quando si ha davanti un cibo scaduto, è bene sempre assicurarsi che non emani cattivo odore e fare un piccolo assaggio per valutarne il sapore.

Dal latte all'olio: quando mangiare cibi scaduti è possibile

Se entrambe le prove sono superate, si può anche mangiare cibi scaduti. Ad esempio lo yogurt può essere consumato anche una settimana oltre la data di scadenza, tenendo bene a mente che le proprietà nutritive saranno ridotte. Per il latte, invece, è consigliabile attenersi in maniera rigida alla data di scadenza: per qualcuno anche il giorno dopo può essere bevuto. Nel caso c’è la prova del fuoco: mettete il latte sul fuoco a bollire, se diventerà ricotta occorrerà buttarlo. Per quanto riguarda i formaggi, invece, se per quelli freschi il rispetto della data di scadenza deve essere rigido, per quelli stagionati e a pasta dura, basterà eliminare la muffa che si andrà a formarsi.

Si può superare la data di scadenza anche di due mesi per le conserve sottoaceto, così come quelle di pomodoro. Per i salumi, invece, quelli confezionati vanno mangiati entro la data di scadenza: il rischio è di una intossicazione alimentare. Più malleabili si può essere con l’olio, soprattutto con quello di buona qualità: può essere utilizzato fino a 8 mesi dopo la data di scadenza. E tra i cibi scaduti che possono essere mangiati dopo la data di scadenza ci sono anche pasta secca e riso: ovviamente soltanto se conservati in maniera corretta. Per le uova l’argomento è un po’ complicato: una frittata può essere fatta fino a una settimana dopo la scadenza. Queste delle linee guida generali, ma ovviamente sta a voi capire se un cibo scaduto può essere mangiato.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

I 5 ALIMENTI DA NON RISCALDARE MAI

Non capita di rado che avanzi qualche alimento da pranzo e si metta da parte per riscaldarlo poi il giorno successivo. Attenzione però: alcuni cibi, ...

Continua a leggere

BUON APPETITO: PERCHÉ NON VA DETTO PER IL GALATEO

E’ una delle domanda che spesso escono fuori quando si parla di galateo: perché non è corretto augurare buon appetito all’inizio di un pasto? ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista