Bere in modo responsabile

Data Pubblicazione: 29/06/2016

Bere in modo responsabile

Bere in modo responsabile per una migliore qualità della vita:  è questo l'obiettivo di una campagna lanciata da esercenti e produttori. Gli italiani sono grandi consumatori di alcolici. Vini e cocktail, in particolar modo, occupano un ruolo importante nello stile di vita italiano. La cultura dell'aperitivo è nata nelle grandi città della penisola e ha, lentamente ma inesorabilmente, conquistato anche molte città europee. Non sempre, però, il consumo di alcolici è associato alla conoscenza e alla qualità dei prodotti. La Federazione italiana dei pubblici esercizi, FIPE, e la Federvini hanno lanciato una iniziata sotto l'hashtag #beremeglio. L'obiettivo è quello di creare una cultura del bere che promuova la moderazione e la qualità rispetto all'abuso. Si tratta di un percorso articolato che passa attraverso la formazione di esercenti, baristi e ristoratori, perchè siano in grado di conoscere i prodotti e indirizzare i clienti verso un'esperienza del bere che vada oltre il semplice consumo. Un progetto interessante e sicuramente in linea con le esigenze di un paese che è anche uno dei produttori di vini e bevande di maggiore prestigio e qualità a livello mondiale. Un'esperienza a tutto tondo che mira a informare il cliente sulle caratteristiche dei vini e delle bevande alcoliche, sulle differenze tra i vari prodotti e sulle possibili conseguenze sulla propria salute. Il progetto ha esordito nella città di Padova, in testa alle classifiche italiane dei consumi di bevande alcoliche, con la prospettiva di una estensione a tutto il paese. Oltre a tutelare la salute dei consumatori, questa esperienza può rivelarsi fondamentale per promuovere le eccellenze del territorio e del made in Italy. Negli ultimi anni, infatti, la produzione vinicola italiana, già apprezzata in patria e nel mondo, ha incrementato la propria attenzione verso la qualità e la specificità territoriale. Un fenomeno che si è potuto osservare anche nelle città con la crescita di piccoli bar e locali specializzati nel dare un'offerta personalizzata e legata ai produttori locali e di eccellenza. Non sono solo i vini ad essere protagonisti di questi cambiamenti. I consumi di birra, in Italia, mostrano un trend crescente, accompagnato dalla nascita di microbirrifici e di locali specializzati nel servire birre artigianali di produzione locale o estera. L'iniziativa #beremeglio si inserisce in una tendenza diffusa a preferire la qualità alla quantità e si offre ad una clientela sempre più interessata alla conoscenza dei prodotti e delle loro caratteristiche. La vita è troppo breve per bere vino di cattiva qualità, recita un detto piuttosto famoso. Questa iniziativa vuole dare concretezza ad un bisogno diffuso di qualità e promuovere il buon bere come parte di una sana ed alta qualità della vita.

Tanti motivi per cui bere moderatamente vino fa bene

Lo sapete che ogni vino ha il suo tappo?

Vino, come servirlo a tavola?

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

PIZZE STRANE, LE FORME PIÙ CURIOSE AL MONDO

Può un grande classico come la pizza diventare una ricetta originale? Assolutamente sì, se parliamo di pizze strane: al bando la classica forma ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista