Alla scoperta delle Castagne

Data Pubblicazione: 04/11/2016

Alla scoperta delle Castagne

Uno dei sapori d'autunno più famosi andiamo Alla scoperta delle Castagne
Quando arriva l’autunno uno dei frutti più apprezzati è proprio la castagna. Vediamo dunque tutto quel che c’è da sapere per utilizzare al meglio questo squisito prodotto, andiamo alla scoperta delle Castagne
Per chi non lo sapesse, questi frutti appartengono alla specie "castanea sativa" che rientra nella famiglia delle "fagaceae". L’albero di castagno sembra essere arrivato in Europa dall’Asia Minore ed è stato introdotto nel nostro Paese dagli antichi Romani. Si tratta di una varietà molto longeva che può sopravvivere per alcune decine di anni ed è anche estremamente alta in quanto può arrivare a 30-35 metri e 6-8 metri di diametro. Il castagno è prevalentemente diffuso nelle zone montuose e boschive comprese tra i 400 ed i 1200 metri di altitudine e preferisce soprattutto l’esposizione al sole senza grandi sbalzi termici. Le castagne non sono altro che i frutti o acheni della pianta ed in genere ne troviamo tre in ogni riccio spinoso. Le tipologie più note in Italia sono la varietà "augustana" che spesso è già pronta ad agosto ma molto conosciuta è anche la "caravina" che si distingue per il suo gusto dolce. Molto interessanti sono anche le cultivar ibride, cioè nate da incroci tra le specie europee ed il castagno cinese e giapponese. Per quel che riguarda invece la raccolta delle castagne, di solito si svolge tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre ma può continuare fino a novembre inoltrato. Una volta raccolte, venivano portate all’essiccatoio che consisteva in una minuscola baita di pietra e paglia nella quale i frutti venivano stesi su graticci. Al di sotto dei graticci si accendeva un piccolo fuoco alimentato dalle bucce dell’anno precedente e si lasciava ad essiccare per 20-30 giorni, mescolando gli strati periodicamente per non farli bruciare. Si trattava comunque di un prodotto povero che i contadini impiegavano per sostituire i cereali e preparare pane, focacce, zuppe e polenta. Oltre alla farina infatti, queste bontà autunnali potevano essere lessate in pentola oppure arrostite in un paiolo bucherellato. Sono buone da mangiare anche crude poiché hanno un elevato contenuto calorico ed energetico, ideale per chi fa sport. Ricche di acido folico e fosforo, non contengono assolutamente glutine e sono quindi indicate per la dieta dei celiaci. Secche invece sono utili per chi soffre di colite mentre la loro acqua di cottura può essere usata durante lo shampoo per ravvivare i riflessi dei capelli. In questa rubrica siamo andati Alla scoperta delle Castagne frutti autunnali dai mille usi e dalle innumerevoli proprietà benefiche che spesso non immaginiamo neanche lontanamente. Chi avrebbe mai detto che un bel cono di caldarroste facesse così bene! Questi frutti sono perfetti anche per la realizzazione di numerose ricette come :

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

PIZZE STRANE, LE FORME PIÙ CURIOSE AL MONDO

Può un grande classico come la pizza diventare una ricetta originale? Assolutamente sì, se parliamo di pizze strane: al bando la classica forma ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista