Alimentazione macrobiotica: uno stile di vita in cucina

Data Pubblicazione: 14/01/2016

Alimentazione macrobiotica: uno stile di vita in cucina

Più che uno stile alimentare, il Macrobiotico è uno stile di vita. Dal greco "makros" e "bios", significa letteralmente: lunga vita, grande vita. 

La cultura macrobiotica ha origine da una filosofia orientale antichissima basata sul convincimento che tutto l'Universo sia governato da un principio di armonia tra gli opposti e tutti gli elementi siano tra essi strettamente connessi. In quest'ottica, il cibo riveste un ruolo fondamentale nel mantenimento dell'armonia e dell'equilibrio tra mente e corpo. La diffusione dell'alimentazione macrobiotica si deve invece agli studi condotti dal medico e filosofo giapponese Yukikazu Sakurazawa (anche noto come George Ohsawa) sul comportamento alimentare dei monaci buddisti. Alla base del regime alimentare macrobiotico c'è la suddivisione degli alimenti in due categorie energetiche: Yin e Yang. Alla prima categoria appartengono i cibi acidi, amari, piccanti, molto dolci (latte e derivati, frutta, tè, spezie, etc.), alla seconda i cibi alcalini, salati, poco piccanti, poco dolci (carne, pesce, pollo, uova, etc.). Gli alimenti privi delle suddette caratteristiche sono considerati "naturalmente bilanciati" (cereali, legumi e semi oleosi).
La "lunga vita", ossia la salute, si ottiene attraverso la combinazione equilibrata dei due elementi Yin e Yang, ovvero l'assunzione equilibrata di alimenti appartenenti alle diverse categorie, considerate opposte ma complementari. Il bilanciamento dei gruppi alimentari avviene secondo le seguenti proporzioni:
- 50% di cereali integrali in chicchi (riso integrale, orzo, miglio, farro, etc.)
- 20 - 30% di verdure di stagione crude e cotte (meglio se non appartenenti alla famiglia delle "Solanacee": melanzane, patate, peperoni, peperoncini, pomodori)
- 10 - 20% di carne bianca o pesce (preferibilmente magri e non più di 4 volte alla settimana), in alternativa legumi, seitan, soia, etc.
- 10% di frutta fresca o secca di stagione
La dieta macrobiotica predilige i cibi naturali, cereali integrali, verdure di stagione, legumi, frutta di stagione, carni bianche o pesce a carne bianca, mentre bandisce zucchero, sale (se non in fase di cottura), latte e farina bianca, considerati i quattro veleni bianchi. Da evitare anche tutti i cibi raffinati, insaccati, affettati, carni rosse, uova, derivati del latte, aceto di vino, caffè, bevande gassate e zuccherate. Lo zucchero bianco può essere sostituito dal malto d'orzo o dallo zucchero di canna, il sale dal gomasio, il latte animale dal latte di riso, i formaggi dal tofu. Il consumo di acqua deve essere regolare ma moderato.

In conclusione, la dieta macrobiotica porta in tavola la filosofia del benessere: mens sana in corpore sano.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

LE 10 REGOLE PER IL VERO CAFFÈ ITALIANO (SECONDO GLI INGLESI)

Caffè Italia, un binomio conosciuto in tutto il mondo tanto che all’estero c’è chi ha pensato bene di buttare giù un vademecum per bere un ...

Continua a leggere

I MOTIVI PER SEGUIRE UNA DIETA VEGETARIANA

Si parla sempre di più della necessità di limitare il consumo di carne e di seguire una dieta vegetariana. Si tratta di un regime alimentare nel ...

Continua a leggere

DALL'ALIMENTAZIONE AL RIPOSO: COSA FARE DOPO L'ALLENAMENTO

L’esercizio fisico è fondamentale: fare il giusto allenamento durante la giornata è il primo passo per tenersi in salute. Un fattore che può ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista