Agnello al forno: 5 errori da evitare

Data Pubblicazione: 27/04/2018

Agnello al forno: 5 errori da evitare

E’ il piatto classico per il menu di Pasqua, ma anche un secondo piatto da fare in occasioni particolari: l’agnello al forno. Nonostante negli ultimi tempi le novità dei grandi chef sembrano voler prendere il sopravvento, la ricetta agnello al forno classica resta immutata. Per realizzarla alla perfezione occorre però stare attenti ai cinque errori da evitare. La trascuratezza in cucina va assolutamente chiusa nel cassetto ed è per questo che quando si prepara un agnello al forno occorre non dimenticarsi della marinatura. La carne di agnello, infatti, presenta un gusto molto forte e necessita di marinare tutta la notte. Dimenticarsene significa perdere già la possibilità di perfezione.

Agnello al forno, occhio agli errori

Sempre in tema di errori da evitare per l’agnello al forno, guai a passare direttamente dal frigorifero al forno! Occorre lasciarlo a temperatura ambiente per un paio di ore così da evitare che le carni si facciano dure e stoppose. Da un errore ad un altro: l’agnello va rosolato! E’ proprio la rosolatura che fa formare quella crosticina che fa impazzire tutti gli amanti del genere grazie alla reazione di Maillard. La rosolatura può essere fatta nel tegame per tagli piccoli oppure direttamente nella teglia da forno nel caso di un cosciotto di agnello intero.
E che sia uno stinco di agnello al forno o qualsiasi altro taglio, mettetevi l’anima in pace: serve il giusto tempo! Non cercate di accorciare la durata della preparazione, magari eliminando il tempo di riposo post cottura. Questo servirà a far sì che i succhi si ridistribuiscano in maniera omogenea in modo da rendere tenera tutta la carne.
Siamo arrivati alla conclusione: resta l’ultimo errore da evitare per la preparazione dell’agnello al forno, le patate. Guai ad aggiungerle subito, visto che i tempi di cottura sono diversi. L’agnello ha bisogno di almeno un’ora di cottura, le patate non più di 40 minuti: se non volete farle sfaldare, aggiungetele dopo 15-20 minuti in modo che anche per loro la cottura sarà perfetta.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DIETA OKINAWA

Promette di far dimagrire e vivere più a lungo: è la dieta Okinawa, regime alimentare che prende il nome dall’arcipelago giapponese dove ben il ...

Continua a leggere

COME SOSTITUIRE LE UOVA

Vanno nei dolci e in tante ricette ma c’è anche chi non le mangia per scelta e necessità: come sostituire le uova? Di motivi per dover rinunciare ...

Continua a leggere

COSA FARE A PASQUETTA CON LA PIOGGIA

Per un inspiegabile motivo la Pasquetta in Italia è caratterizzata da una costante non molto apprezzata: il cattivo tempo. Ma cosa fare a Pasquetta ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista