Pastiera Vegana

di Cucinare.it

Pastiera Vegana

Descrizione

La Pastiera Vegana è un dolce che si prepara principalmente in occasione delle feste pasquali. Differentemente dalla classica pastiera, questa è realizzata con una base di pasta frolla vegana e con un ripieno fatto con un mix di grano, latte di soia, tofu, zucchero e aromi vari… Insomma, come del resto in tutta la cucina vegana, nessun ingrediente è di derivazione animale. Il risultato finale sarà un dolce davvero delizioso!

Pastiera vegana, una tradizione da non perdere

Che sia tradizionale o vegana, la pastiera non può certo mancare a tavola nel giorno di Pasqua… e neanche prima o dopo! Una bontà inimitabile che ha una storia molto antica. Le massaie di un tempo la preparavano dal giovedì al sabato santo. Al di là della leggenda legata alla dea Partenope, l’origine della Pastiera vegana (e di quella tradizionale) è da far risalire alle festività pagane. Durante queste, che cadevano in Primavera, era tradizione fare delle offerte votive. Il legame con la festa religiosa, invece, è da riportare ai conventi: si racconta, infatti, che la versione che noi tutti oggi conosciamo come tradizionale, sia nata nel convento di San Gregorio Armeno, la storica via dei pastori nel centro storico di Napoli.

Ricetta pastiera vegana

Qualunque sia la sua origine un fatto è certo: non si può rinunciare alla pastiera. Anche chi sceglie di seguire una dieta vegana, non deve in nessun caso rinunciare ai piaceri della tavola e della tradizione, la cucina è bella proprio perché varia e permette di creare nuovi abbinamenti e ricette in modo da far felici tutti! Ecco allora la ricetta della pastiera vegana. Buona lettura e buona Pasqua! Se volete scoprire altre ricette per realizzare piatti vegani, nella nostra sezione troverete tante; se invece siete interessati a scoprire nuove ricette a tema con la Pasqua, potete consultare la nostra apposita sezione.

Ingredienti & Procedimento

Per la pasta frolla vegana

150 gr di Margarina Vegetale

100 ml di Latte di Soia

Per il ripieno

600 gr di Grano Precotto

500 ml di Latte di Soia dolcificato

500 gr di Tofu

70 gr di Canditi

Acqua di Fiori d'Arancio q.b

Per decorare

  • 1

    Per prima cosa, iniziate a far cuocere il grano. Scolate il grano precotto dal liquido di conservazione e sistematelo in una casseruola con il latte di soia, un pizzico di cannella, 50 grammi di zucchero, un pizzico di sale e la scorza di limone

  • 2

    Fate cuocere a fuoco lento mescolando con continuità fino a quando il latte verrà assorbito dal grano ed otterrete un composto ben amalgamato, questo processo richiede circa 1 – 2 ore, quindi vi consiglio di iniziare a preparare il grano in anticipo rispetto al resto della preparazione

    Pastiera Vegana preparazione 1
  • 3

    Una volta che il mix di grano, latte e aromi sarà cotto, bisogna farlo raffreddare, quindi se preferite, potete anticipare la preparazione alla sera prima, inoltre è importante non far attaccare il composto ai bordi della pentola, quindi mescolate aiutandovi con una cucchiaia di legno e tenete sotto controllo il tutto

  • 4

    Sistemate in una ciotola il tofu con i restanti 100 grammi di zucchero, amalgamateli aiutandovi con i rebbi di una forchetta fino ad ottenere un composto cremoso e senza grumi, se preferite, potete passare il tofu al setaccio prima di utilizzarlo

  • 5

    Lasciate riposare la crema per circa 1 ora

  • 6

    Nel frattempo, preparate la pasta frolla vegana. Unite in una ciotola la farina setacciata con lo zucchero, un pizzico di sale, il latte di soia, la margarina a tocchetti e lavorate gli ingredienti velocemente fino ad ottenere un composto ben amalgamato

    Pastiera Vegana preparazione 5
  • 7

    Formate un panetto con le mani e avvolgetelo in uno strato di pellicola per alimenti, sistematela in frigorifero e lasciatela rassodare per circa 30 minuti

  • 8

    Quando il mix di grano e latte di soia sarà pronto, spegnete la fiamma e fate intiepidire

  • 9

    Imburrate la base e i lati dello stampo che avete scelto per la vostra pastiera

  • 10

    Riprendete il panetto di pasta frolla, tagliate via ¼ di impasto (che vi servirà per ricreare le strisce decorative) e i restanti ¾ stendeteli su una spianatoia infarinata aiutandovi con un mattarello, dovete ottenere uno strato spesso circa ½ centimetro

    Pastiera Vegana preparazione 9
  • 11

    Con attenzione, sistemate la pasta frolla nello stampo ed eliminate i bordi in eccesso

    Pastiera Vegana preparazione 10
  • 12

    Riprendete la ciotola con la crema di tofu e zucchero, aggiungete il mix di grano, i canditi, l'acqua di fiori d'arancio, un pizzico di cannella e mescolate tutto fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi

  • 13

    Farcite la vostra pastiera, versando il composto sulla base di pasta frolla, lasciate circa 1 cm di bordo libero poiché durante la cottura il ripieno potrebbe crescere e fuoriuscire

  • 14

    Stendete su una spianatoia infarinata la restante dose di pasta frolla vegana in modo da ottenere una sfoglia lunga e sottile e ritagliate delle striscette che utilizzerete per decorare la pastiera nel modo che preferite, vi basterà poggiarle delicatamente sul ripieno

  • 15

    A questo punto, non vi resta che infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 80 minuti in forno statico

  • 16

    Per controllare che la pastiera sia ben cotta, vi consiglio di controllare inserendo uno stuzzicadenti al centro del ripieno, se lo stuzzicadenti uscirà asciutto vorrà dire che il dolce è pronto, se invece uscirà inumidito, dovete proseguire la cottura ancora per qualche minuto

  • 17

    A cottura ultimata, sfornate e lasciate raffreddare. Quando la pastiera sarà fredda, decorate con una spolverata di zucchero a velo e buon appetito!

    Pastiera Vegana preparazione 16
  • 18

    Pastiera Vegana preparazione 17
Scarica la rivista

Informazioni generiche

Difficoltà
media
Tempo di preparazione
00:30
Tempo di cottura
03:20
Porzioni
Per uno stampo da 25 cm di diametro
Categoria
Ricette Pasqua
Pubblicata il
22/03/2016
N° visualizzazioni
1573

Condividi questa ricetta

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Scarica la rivista