Orata all'acqua pazza

di Cucinare.it

Orata all'acqua pazza

Descrizione

Direttamente dalla tradizione napoletana giunge nelle nostre cucine una ricetta sempre gustosa e semplice da preparare: l'Orata all'Acqua pazza. Un secondo piatto con il quale sarà difficile sbagliare e lascerà tutti i palati soddisfatti grazie al suo gusto delicato, la sua leggerezza e il suo buonissimo sapore. Perfetto da gustare nelle cene primaverili o nei pranzi estivi è un piatto che può essere gustato anche freddo!
Stupisci i commensali con un secondo piatto profumato ed invitante
Una ricetta nata direttamente dai pescatori che permette di potare in tavola un pesce molto digeribile in una versione assolutamente irresistibile, vanto della cucina partenopea.

I mille pregi dell'orata

L'orata, il cui nome deriva dalla striscia dorata che decora il capo, è noto per essere un pesce che presenta delle carni molto gustose e, allo stesso momento, estremamente digeribili. È anche un pesce molto versatile, che può essere impiegato per preparare numerose ricette, tra cui l'orata all'acqua pazza. La sua ricchezza di Omega 3 è un alleato importante nel contrastare il colesterolo. Inoltre, ha il vantaggio di essere facilmente reperibile nelle pescherie; per riconoscerla, è sufficiente verificare la convessità del capo e la presenza di una mascella con 4 o 6 denti molto appuntiti. Può raggiungere i 70 centimetri di lunghezza e un peso di 10 kg.

Come scegliere l'orata giusta

Se si desidera offrire un'orata con un contenuto di grassi minore è preferibile sceglierla selvatica; le orate d'allevamento, infatti, a causa di una minore attività sono sicuramente più grasse. Ovviamente, cerca di acquistare un pesce che presenti un occhio vivo e convesso e delle branchie piuttosto rosse; si tratta di elementi in grado di assicurare la sua freschezza. Suggerimenti per la preparazione Prima di iniziare la preparazione dell'orata all'acqua pazza, per avere una quantità sufficiente per gli ospiti tieni in considerazione che metà del suo peso andrà perso nella fase della pulizia, che comporta l'eliminazione
  • delle interiora,
  • della spina,
  • della testa
  • e delle branchie.
La ricetta originale dell'acqua pazza vedeva impiegato come liquido di cottura direttamente l'acqua di mare, che veniva addizionata con del vino bianco; da qui il nome "acqua pazza". La versione presentata attualmente prevede ingredienti come cipollotto, olive, pomodorini, olio d'oliva, aglio, prezzemolo e peperoncino. Per portare in tavola un piatto ancora più sorprendente è possibile unire delle vongole veraci; aggiungeranno sapore ed eleganza, rendendo la ricetta ideale anche per un giorno di festa.
Vi consiglio anche le orate in padella, gustose e veloci da preparare

Ingredienti & Procedimento

  • 1

    La preparazione dell'orata all'acqua pazza non richiede particolari qualità culinarie. Se l'orata non è già stata pulita al momento dell'acquisto, dovrete provvedere da voi alla pulizia. Quindi squamatela e tagliate le pinne, tagliate la pancia ed evisceratela con cura, facendo attenzione a non lasciare residui, infine sciacquatela sotto l'acqua fredda

  • 2

    A questo punto, mettete nella pancia dell'orata un pizzico di sale, uno spicchio d'aglio e qualche foglia di prezzemolo

  • 3

    Nella padella (se decidete di farla sul fuoco) o nella pirofila (se preferite la cottura al forno) mettete due cucchiai di olio extravergine d'oliva e adagiate l'orata al suo interno

  • 4

    Ora tagliate i pomodorini a spicchi e metteteli nella padella (o nella pirofila) insieme all'aglio, aggiungendo prezzemolo, sale, pepe, acqua e vino

  • 5

    L'orata non dovrebbe essere totalmente ricoperta dai liquidi, questi dovrebbero arrivare fino a metà dell'altezza del pesce

  • 6

    Giunti a questo punto mettete la padella sul fuoco o riscaldate il forno e infornate la vostra orata a 220°C per circa 25 minuti

  • 7

    Una volta cotta, togliete la padella dai fornelli (o estraete la pirofila dal forno) e, dopo aver disposto l'orata su un piatto, eliminate la pelle, le lische e la testa

  • 8

    I filetti ottenuti, una volta impiattati, vanno cosparsi con il fondo della cottura. A seconda dei gusti potreste aggiungere al piatto qualche fettina di limone. Ricordate che in caso di cottura su fornello, va sempre utilizzato il coperchio per evitare che l'acqua evapori e l'orata diventi secca. L'orata può essere conservata in un contenitore ermetico fino a due giorni

Scarica la rivista

Informazioni generiche

Difficoltà
facile
Tempo di preparazione
00:40
Tempo di cottura
00:25
Porzioni
Categoria
Secondi al forno
Pubblicata il
08/05/2015
N° visualizzazioni
22721

Condividi questa ricetta

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Scarica la rivista