Carciofi ripieni con formaggi, olive e capperi

di Cucinare.it

Carciofi ripieni con formaggi, olive e capperi

Descrizione

I Carciofi ripieni con Formaggi, Olive e Capperi sono una ricetta perfetta da preparare in occasione di un pranzo di Pasqua. Semplici e gustosi, di sicuro vi faranno fare un figurone con i vostri ospiti. Questa ricetta è una versione della cucina tipicamente meridionale, molto saporita e ricca, vi consiglio di acquistare dei carciofi “mammarella”, ovvero con una testa abbastanza grande in modo da poter essere farcita con facilità. I carciofi sono un ingrediente molto utilizzato in cucina per una moltitudine di ricette dai primi piatti ai contorni.

Carciofi ripieni con Formaggi, Olive e Capperi, piatto mitologico

Parliamo di una pianta con una origine mitologica. Leggenda vuole che il carciofo sia la ninfa Cynara. Meravigliosa creatura dai lunghi capelli color cenere e gli occhi verdi e viola, trasformata in una pianta da Zeus. Il dio se ne innamorò perdutamente e arrabbiato perché non ricambiato, decise di far diventare la stupenda ninfa una pianta. Il carciofo conserva però i tratti della bella ninfa: il verde e il viola dei suoi occhi, il cuore tenero, ecc.

Carciofi, la pianta della Regina

Ma non c’è soltanto la leggenda a far capire l’importanza del carciofo. Da raccontare, prima di dedicarsi alla ricetta dei carciofi ripieni con Formaggi, Olive e Capperi, è la storia che vede protagonista Caterina de’ Medici. Si narra che fu lei a introdurre i carciofi in cucina. Ma non è per questo che è ricordata. Pierre de l'Estoile, un cronista dell’epoca, racconta della passione di Caterina de’ Medici per i carciofi. La frase pubblicata sul 'Journal' non lascia spazio a equivoci: ne “mangiò tanto da scoppiare e si sentì male come mai le era accaduto prima. Si diceva che ciò dipendesse dall’ aver mangiato troppi cuori di carciofo, creste e rognoni di gallo di cui era molto ghiotta”. Tra leggenda e storia, i carciofi stavolta saranno i protagonisti della vostra tavola, buona lettura. Se volete scoprire altre ricette in cui utilizzare quest’ingrediente, ne trovate tante sul nostro sito; se invece volete nuove idee da preparare per il pranzo di Pasqua, vi offriamo tante gustose ricette nella nostra sezione.

Ingredienti & Procedimento

  • 1

    Per prima cosa, vi consiglio di utilizzare dei guanti in lattice prima di pulire i carciofi in modo da evitare che alcune sostanze presenti nell'ortaggio a contatto con l'aria si ossidino e vi lascino con le mani nere

  • 2

    A questo punto, tagliate via il gambo del carciofo e con un coltello abbastanza affilato tagliate le punte superiori dei petali, infine, eliminate le foglie più dure ed esterne

  • 3

    Con la punta delle dita, aprite leggermente i carciofi, e sistemateli in una ciotola con acqua fredda e succo di limone per circa 30 minuti

  • 4

    Nel frattempo, tagliate il provolone a dadini piccoli e sistematelo in una ciotola

  • 5

    Sbucciate l'aglio, sciacquate qualche foglia di prezzemolo, snocciolate le olive e tritate tutto anche grossolanamente

  • 6

    Unite gli ingredienti nella ciotola con il provolone e aggiungete anche il pecorino grattugiato, il pangrattato, un pizzico di sale, un pizzico di pepe e un filo d'olio evo

  • 7

    Sbattete l'uovo e aggiungetelo al resto del ripieno

  • 8

    Mescolate tutto in modo da far amalgamare gli ingredienti ed ottenete un composto omogeneo

  • 9

    Scolate i carciofi dall'acqua di ammollo e tamponateli leggermente con un canovaccio

  • 10

    Aiutandovi con un cucchiaino, sistemate al centro di ogni carciofo il ripieno facendo attenzione a non romperli

  • 11

    Sistemate le teste di carciofo in una pirofila con un filo d'olio, due dita d'acqua e un pizzico di sale e infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 30 minuti

  • 12

    Quando i carciofi saranno cotti, sfornateli e serviteli caldi. Buon appetito

Scarica la rivista

Informazioni generiche

Difficoltà
facile
Tempo di preparazione
00:15
Tempo di cottura
00:30
Porzioni
2 persone
Categoria
Ricette Pasqua
Pubblicata il
21/03/2016
N° visualizzazioni
766

Condividi questa ricetta

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Scarica la rivista