Lavare e tagliare il cavolo: tutti i passaggi

Data Pubblicazione: 02/11/2017

Lavare e tagliare il cavolo: tutti i passaggi

Lavare e tagliare il cavolo è essenziale prima di poter procedere con la preparazione di una delle tante ricette. Tra gli ortaggi maggiormente ricchi di proprietà benefiche, il cavolo è un alimento molto utilizzato in cucina, soprattutto nel periodo invernale.

Come scegliere il cavolo

Quando si va a scegliere un cavolo è essenziale verificare che le foglie non siano molli e che non ci siano parti annerite. Ovviamente le caratteristiche da tenere d’occhio nella scelta del cavolo dipende anche dalla varietà dello stesso: per i cavolfiori, ad esempio, è importante che le cime siano ben chiuse. La cottura del cavolo produce un caratteristico cattivo odore che deriva dall’elevata quantità di compisti di zolfopresenti in tale ortaggio che sono liberati durante la cottura. L’eliminazione totale dei solfuri arriva dopo 16 minuti. Per evitare che il cattivo odore si propaghi per tutta la casa sono utilizzati diversi accorgimenti: c’è chi mette una tazzina di caffè piena di aceto sul coperchio della pentola e chi preferisce mettere una fetta di pane imbevuta in aceto (o limone) all’interno della pentola; altro trucchetto è mettere mezzo bicchiere di latte nell’acqua usata per la cottura.

lavare e tagliare il cavolo

Per pulire e tagliare il cavolo è fondamentale la varietà di ortaggio che ci troviamo di fronte: un conto è pulire e tagliare, ad esempio, un cavolfiore, cosa diverse invece fare tale procedimento con una verza o un cavolo cappuccio. Concentriamoci proprio su quest’ultimo. Prendiamo il cavolo cappuccio ed eliminiamo le foglie esterne che si presentano danneggiate.lavare il cavoloMettiamo il cavolo sotto un getto d’acqua fredda e strofiniamolo con le mani per eliminare le tracce di sporco. Ora asciughiamo con un foglio di carta assorbente.

Come tagliare il cavolo

tagliare il cavolo Poggiamo il cavolo cappuccio su un tagliere e con un coltello (preferibile in accia io inox e non in acciaio al carbonio perché anneriscono i bordi delle fette del cavolo) e tagliamolo in quattro parti. Eliminiamo il torsolo da ogni quarto di cavolo e procediamo a tagliarlo in base alla ricetta che vogliamo realizzare.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista