Vino rosso, una passione antica

Data Pubblicazione: 02/03/2018

Vino rosso, una passione antica


La bontà del vino rosso, una delle bevande più antiche e apprezzate al mondo. Ottenuto dalla fermentazione dell’uva o del mosto, può avere varie tonalità (dal porpora al rosso rubino) e diversi aromi. Di consistenza corposa, solitamente è servito a temperatura ambiente. L’Italia è tra i maggiori esportatori di vino nel mondo. Non mancano le varietà di vini rossi italiani conosciute in tutto il mondo: Aglianico, Barolo, Lambrusco, Brunello di Montalcino, Primitivo, soltanto per fare qualche esempio. L’elenco è lungo è comprende anche il vino rosso veneto, il vino rosso piemontese, della Valtellina: ogni zona d’Italia ha il suo vino.

Proprietà vino rosso

Questa bevanda, oltre al suo gustoso sapore, ha anche proprietà benefiche. E’ risaputo che berne con moderazione (1 bicchiere al giorno) faccia bene alla salute. Ricco di sostanze anti-ossidanti, aiuta a prevenire i tumori e combatte l’invecchiamento. Il resveratrolo contenuto è una sostanza ottima per mantenere in salute l’apparato cardiocircolatorio e attivare il metabolismo. Il vino rosso, inoltre, aiuta la digestione e riduce il senso di fame, oltre ad avere effetti positivi sulle funzioni cerebrali. Bere vino rosso stimola la produzione di endorfine e quindi ha effetti positivi sull’umore. Infine, agisce sul colesterolo, riducendone i livelli. Ovviamente tutto questo se lo si beve senza esagerare, ricordando che – al di là della bevanda – l’eccesso di alcol è un pericolo per la salute.

Valori nutrizionali vino rosso (da tavola): 100 g

  • Proteine 0,07 g
  • Carboidrati 2,61 g
  • Zuccheri 0,62 g
  • Grassi -
  • Saturi -
  • monoinsaturi -
  • polinsaturi -
  • colesterolo -
  • Fibra alimentare -
  • Sodio 4 mg
  • Alcol 10,6 g

Cenni storici

Parlavamo di una bevanda antica: il vino, infatti, si può dire che nasce quasi con l’uomo. Tralci di vite risalgono a ben 2 milioni di anni fa, mentre secondo studi recenti l’apparizione del vino come bevanda risale al neolitico: si crede che la scoperta sia stata dovuta al caso, con l’uva lasciata in contenitori che è fermentata.

Ad ogni modo già quattromila anni prima di Cristo il vino era prodotto su larga scala, come dimostrano i ritrovamenti della prima casa vinicola ad Areni in Armenia. Con gli egizi si ha poi la diffusione di coltivazione e produzione. Di vino si parla anche nella Bibbia: nella Genesi si attribuisce la sua scoperta a Mosé, mentre nel Vangelo il vino rappresenta il sangue di Cristo nell’ultima cena.

Varietà di preparazioni

Ma entriamo in cucina, dove il vino rosso è soprattutto una bevanda, ottima per innaffiare qualsiasi piatto. Dagli antipasti ai primi, dalla carne ad alcuni dessert. Ma il vino rosso è anche utile per la preparazione di alcune ricette. Come non citare il brasato al vino rosso oppure il ragù alla napoletana. Ma di ricette ce ne sono davvero tante: dal risotto ai lecca lecca, una sorpresa per gli innamorati.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBO PER LA MENTE

Non è una scoperta dell’ultima ora: il cibo per la mente esiste e occorre inserirlo nella propria alimentazione. Di cosa stiamo parlando? Ma ...

Continua a leggere

SUCCHI DI FRUTTA, UN PERICOLO PER I BAMBINI

La frutta fa bene, i succhi di frutta… un po’ meno! Molto spesso si danno ai bambini i succhi nei comodi brick credendo di fare loro del bene, ...

Continua a leggere

DIETA DEL PIATTO UNICO

Nelle varie rubriche abbiamo spesso parlato delle varie tipologie di diete, questa volta vogliamo occuparci della dieta del piatto unico: si tratta - ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista