Pasta, simbolo italiano nel mondo

Data Pubblicazione: 02/03/2018

Pasta, simbolo italiano nel mondo

Impossibile farne a meno: la pasta è l’ingrediente base della cucina italiana. Parliamo di un termine che è utilizzato per definire un alimento a base di farina o di semola, di varie forme, che può essere cotto con acqua e sale. Ingrediente fondamentale per un’infinità di ricette, come detto è il piatto principale della cucina made in Italy ma è ormai diffuso in tutto il mondo.

Di varietà ne esistono centinaia: classificazioni si possono fare in base agli ingredienti, per la forma, per il ripieno, ma anche per ruvidezza e grado di umidità. Ad esempio, la distinzione per ingredienti prevede: la pasta di semola o semolato di grano duro; la pasta all’uovo; la pasta alimentare speciale (con almeno un ingrediente diverso, come ad esempio carne, pesce o funghi).

Per quel che riguarda l’umidità, invece, possiamo distinguere la pasta secca e la pasta fresca. Ma la differenziazione dei tipi di pasta più nota è sicuramente per la forma: una prima categorizzazione è tra pasta lunga e corta. Nella prima possiamo poi trovare paste a sezione tonda (spaghetti), rettangolare (linguine), larghe (lasagne) o raccolte in nidi o matasse (ad esempio le fettuccine). Per la pasta corta, invece, possiamo distinguere: lunghe (penne), medie (orecchiette), pastina, ripiene (ravioli, tortellini, ecc).
Da ricordare anche la presenza di tipi di pasta per particolari regimi alimentari: ad esempio la pasta per celiaci, quella per chi soffre di diabete, ecc.

Proprietà della pasta

Pur essendo un termine che indica un’ampia varietà di prodotti, a livello nutrizionale le differenze sono sottili. In linea di massima cento grammi di pasta secca forniscono un apporto calorico di 360 Kcal, si sale un poco (366) con la pasta all’uovo. Ovviamente questi dati fanno riferimento alla pasta cruda e senza alcun tipo di condimento: due fattori che incidono poi non poco sul bilancio calorico di un piatto di pasta.
Continuando con i valori nutrizionali, a livello di glucidi c’è molto amido (80%) e protidi (10%), ma mancano gli amminoacidi essenziali. Pochi grassi e vitamine, elevata quantità di potassio rispetto allo scarso contenuto degli altri sali minerali. Tra le proprietà della pasta va segnalato anche l’effetto positivo sull’umore: l’amido, infatti, libera il glucosio che va a stimolare la sintesi di serotonina, il neurotrasmettitori che dona al cervello la sensazione di benessere.

Cenni storici

Difficile risalire all’origine dalla pasta. Sul suo conto ci sono leggende che contrastano tra loro. Ad ogni modo, le tesi più importanti attualmente indicano una doppia origine separata: Italia e Cina. A questa conclusione si è arrivati analizzando documenti e reparti archeologici. Si sa che nella Magna Grecia era già presente, così come nell’epoca etrusca. Proprio la parola pasta risalirebbe ad un termine greco che significa farina mista ad acqua. La pasta secca, invece, ha origine in Medio Oriente e sbarca in Sicilia con l’invasione degli arabi. Oggi è diventata un simbolo dell’Italia nel mondo.

Varietà di preparazioni

Pasta al sugo, Pasta alla norma, pasta al forno, pasta e fagioli: un elenco preciso sarebbe difficile da fare, ma la pasta è l’ingrediente essenziale di qualsiasi primo piatto. Può esserci un piatto adatto all’inverno, come i tortellini in brodo, o una preparazione più estiva, come la pasta all’insalata. C’è di certo che rinunciare ad un piatto di pasta è davvero difficile: e chi lo ha assaggiato almeno una volta, sa perché…

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

LISTERIA, COME CONGELARE SENZA RISCHIARE

Un nome che sentiamo sempre più spesso, soprattutto negli ultimi giorni: listeria. Si tratta di una famiglia di batteri che può essere rischiosa ...

Continua a leggere

CIBO A DOMICILIO, SUCCESSO DELLE APP: CUCINARE VA IN SOFFITTA?

Un trend in continua crescita che presto potrebbe portare alla ‘scomparsa’ delle cucina: è il cibo a domicilio, una moda che anche in Italia ha ...

Continua a leggere

GAMBE PERFETTE, LE REGOLE PER L'ALIMENTAZIONE DA SEGUIRE

Chi non vorrebbe avere gambe perfette? Purtroppo il gonfiore è tra i sintomi più ricorrenti, soprattutto in piena estate. Eppure, oltre ad un ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista