Margarina, il sostituto del burro

Data Pubblicazione: 12/01/2018

Margarina, il sostituto del burro

La margarina è solitamente utilizzata come sostituto del burro. Si tratta di un prodotto composto essenzialmente di grassi vegetali o animali. I grassi che vanno a comporre la margarina sono idrogenati o frazionati: grazie a questi processi il prodotto è solido.

La definizione di margarina è la seguente: "miscele e emulsioni confezionate con grassi alimentari di origine animale e vegetale, diversi dal burro e dai grassi suini, contenenti più del 2% di umidità ed un contenuto in materia grassa non inferiore all'80%"

La margarina, come detto, può essere ottenuta per idrogenazione o frazionamento. Il primo è un processo che rende i grassi vegetali (liquidi a temperatura ambiente), più solidi e simili a quelli animali. Tale procedimento però produce acidi grassi trans, dannosi per la salute umana. Il processo di frazionamento, invece, dà vita alla margarina non idrogenata: in pratica in questo procedimento viene estratta chimicamente la parte leggera dell’olio e si ottiene quindi un prodotto solido costituito in gran parte da grassi saturi.

Proprietà della margarina

Così come il burro, anche la margarina va assunta in dosi limitate. Ha, infatti, un’elevata quantità di acidi grassi saturi (nel caso di quella frazionata) e trans (idrogenata) che non fanno bene alla salute dell’uomo. Per quanto di guarda l’aspetto nutrizionale, contiene l’85% di grassi, alcuni sali minerali come calcio, sodio, potassio, manganese e vitamina A.

Etichetta nutrizionale per 100 g di Margarina

  • Kcal 717
  • Proteine 0,16 g
  • Carboidrati 0,7 g
  • zuccheri 0 g
  • Grassi 80,71 g
  • saturi 15,189 g
  • monoinsaturi 38,877 g
  • polinsaturi 24,302 g
  • colesterolo 0 mg
  • Fibra alimentare 0 g
  • Sodio 751 mg
  • Alcol 0 g

Cenni storici

La margarina è un’invenzione che porta la firma di Hippolyte Mege-Mouries, farmacista francese, che la chiamò oleomargarina. Questo nome fa riferimento all’acido margarico. Questa invenzione nasce come risposta al concorso bandito da Napoleone III nel 1869 per trovare un’alternativa al burro più economica e duratura. La margarina di Mege-Mouries era prodotta per cristallizzazione frazionata di un insieme di grassi animali e latte acido.

Come conservare

La magarina va conservata in frigorifero, rigorosamente nella propria confezione o comunque ben coperta. Va consumata entro la data di scadenza indicata sulla confezione.

Varietà di preparazione

La margarina vegetale in cucina è l’alternativa al burro soprattutto per l’alimentazione vegana. Margarina o burro è il dilemma che spesso accompagna la preparazione di diverse ricette. Utilizzata sia per ricette salate che dolci, la margarina può essere inserita al posto del burro nella ricetta dei brownies, ad esempio, oppure per realizzare degli squisiti biscotti abbracci.

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Potrebbe interessarti anche

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

MANGIARE IN VACANZA, LE SCELTE DEGLI ITALIANI

Mangiare in vacanza non è una questione secondaria, almeno non per gli italiani. Altro che mare, montagna o arte, le mete preferite dagli italiani ...

Continua a leggere

LISTERIA, COME CONGELARE SENZA RISCHIARE

Un nome che sentiamo sempre più spesso, soprattutto negli ultimi giorni: listeria. Si tratta di una famiglia di batteri che può essere rischiosa ...

Continua a leggere

CIBO A DOMICILIO, SUCCESSO DELLE APP: CUCINARE VA IN SOFFITTA?

Un trend in continua crescita che presto potrebbe portare alla ‘scomparsa’ delle cucina: è il cibo a domicilio, una moda che anche in Italia ha ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista