Lievito di birra, non solo pizza

Data Pubblicazione: 05/01/2018

Lievito di birra, non solo pizza

Il lievito di birra, utilizzato per la panificazione, è una coltura di Saccharomyces cerevisiae, uno dei microrganismi più importanti in cucina. Tale tipo di lievito si nutre tramite glucosio (e anche altri zuccheri): li metabolizza e produce sostanze importanti per il nostro organismo. Aspetto importante in ambito culinario è che il fungo quando lavora in presenza di ossigeno va a produrre l'anidride carbonica. E' questa che viene catturata dall'impasto e lo fa aumentare di volume rendendolo al contempo soffice. Importante in questo processo è la presenza di glutine. In commercio troviamo sia il lievito di birra fresco che il lievito di birra secco. La differenza tra i due non è eclatante. In generale quello secco si conserva per oltre un anno, mentre il fresco non va oltre un mese e va tenuto in frigorifero.

Lievito di birra proprietà

Questo alimento è fondamentale per l'organismo umano. Si tratta, infatti, di un integratore naturale che grazie alla sua composizione è ottimo per chi fa sport. Il lievito di birra presenta molte proteine, aminoacidi essenziali, minerali e vitamine. Ricco di vitamine del gruppo B, è ideale per un corretto funzionamento dei muscoli in quanto queste permettono di convertire rapidamente proteine, carboidrati e lipidi in energia da utilizzare immediatamente. Ma per il lievito di birra benefici arrivano anche dalla presenza di sali minerali. Attenzione però che questo alimento può anche avere delle controindicazioni, come ad esempio il gonfiore intestinale.

Valori nutrizionali

per 100 g di Lievito secco attivo

  • Kcal 325
  • Proteine 40,44 g
  • Carboidrati 41,22 g
  • zuccheri 0 g
  • Grassi 7,61 g
  • saturi 1,001 g
  • monoinsaturi 4,309 g
  • polinsaturi 0,017 g
  • colesterolo 0 mg
  • Fibra alimentare 26,9 g
  • Sodio 51 mg
  • Alcol 0 g

Cenni storici

Il lievito di birra ha una storia millenaria alle spalle: già in antichità erano note le sue proprietà benefiche ed in particolare si utilizza come depurativo. Ricette a base di lievito erano presenti già nel papiro Ebers del 3.500 avanti Cristo.

Come conservare

Il lievito fresco ha un tempo di conservazione molto più ristretto di quello secco. Il primo va conservato in frigorifero, mentre il secondo a temperatura ambiente e dura fino ad un anno. Per entrambi fa fede la data di scadenza presente sulla confezione.

Varietà di preparazione

Dalla pizza al pane, il lievito di birra è fondamentale per un'infinità di preparazioni. Utilizzato anche per realizzare dei deliziosi dolci, è coinvolto anche nella produzione di vino e birra.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBI INTEGRALI: VANTAGGI E SVANTAGGI

Sempre più spesso si sente parlare delle necessità di mangiare cibi integrali. Una inversione di tendenza rispetto a quanto accadeva fino a qualche ...

Continua a leggere

LA DIFFERENZA TRA GRANO DURO E GRANO TENERO

Se ne sente spesso parlare in cucina, ma in realtà in pochi conoscono la differenza tra grano duro e grano tenero. Si tratta di due differenti ...

Continua a leggere

DIFFERENZA TRA FARINE: DALLA 00 A QUELLA INTEGRALE, COSA CAMBIA?

Di tipi ce ne sono diversi, anche se la più diffusa è la 00: ma qual è la differenza tra farine di vari tipi? Restando alla farina di grano ne ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista