Il latte, il primo alimento degli uomini

Data Pubblicazione: 05/01/2018

Il latte, il primo alimento degli uomini

Il latte è il liquido secreto dalle ghiandole mammarie delle femmine dei mammiferi. Si tratta di una emulsione di olio in acqua, caratterizzata da globuli di grasso di dimensioni variabili. Quando si parla di latte alimentare si fa invece riferimento al prodotto "ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa, di animali in buono stato di salute e nutrizione" come da definizione riportata nel R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche.

Con il termine di latte si indica quello di vacca; per gli altri è necessario specificare l'origine, ad esempio latte di capra o pecora. Poi esistono anche tipi di latte non animali, come ad esempio il latte di soia. Le caratteristiche del latte cambiano in base al tipo e alla lavorazione. In particolare contano: animale di provenienza, scrematura, trattamenti termici di conservazione.

Proprietà del latte

Inutile parlare della fondamentale importanza del latte nella vita umana. Primo alimento dei neonati, è quello che più si avvicina alla definizione di alimento completo. Povero di ferro e calorie, rientra nel gruppo II degli alimenti ed è un'ottima fonte di proteine, vitamine e minerali. Le calorie variano in base alla scrematura, andando da un minimo di 35 a un massimo di 65 ogni 100 grammi.

Anche la quantità di grassi dipende dal tipo di latte:

  • intero: non subisce alterazioni sulla quantità di grasso naturalmente presente (3,6%);
  • parzialmente scremato: il grasso varia tra l'1,5 e l'1,8%;
  • scremato: presenti grassi in quantità inferiore allo 0,3%.

Per le vitamine, il latte è ricco di riboflavina, vitamina A e alcune del gruppo B. Sconsigliato bere il latte intero a chi è obeso o soffre di colesterolo alto. Ovviamente non va preso il latte se si è intolleranti.

Cenni storici

La storia del latte parte con la storia dell'umanità. Presto gli uomini si resero conto della fondamentale importanza di questa bevanda che assunse anche un elevato valore simbolico. Galeno nel II secolo dopo Cristo gli attribuiva varie virtù tra le quali l'aumento del cervello e della produzione di sperma. Proprio per questo era considerato anche afrodisiaco.

Come conservare

La modalità di conservazione dipende dal tipo di latte: quello fresco va messo in frigorifero e consumato in base alla data di scadenza. Quello a lunga conservazione deve essere messo in un luogo fresco e asciutto se ancora chiuso; una volta aperto va conservato in frigorifero e consumato entro un paio di giorni.

Varietà di preparazioni in cucina

Il latte è sicuramente tra gli alimenti più utilizzati in cucina. Ottimo per preparare bevande e dolci, come ad esempio i cioccolatini latte e nutella, è una vera risorsa per le nostre ricette. Impossibile farne a meno.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

FESTA DELLA LIBERAZIONE: IL PIATTO DEL 25 APRILE È LA PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA

E’ la festa della liberazione anche a tavola: si celebrano i 73 anni dell’insurrezione delle forze partigiane e della sconfitta del regime ...

Continua a leggere

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista