I Gamberi

Data Pubblicazione: 17/10/2016

I Gamberi

I Gamberi -  Curiositä, valori nutrizionale, e tane ricette! Con il termine "gambero" facciamo riferimento a varie specie di crostacei che vive sia in acqua dolce che in acque marine. Il corpo di questi crostacei di divide in solo 3 parti, il capo, l'addome e il torace, in Italia i più comuni sono i gamberi rossi, ma molto diffusi sono anche i gamberi grigi. A questo punto, possiamo elencare alcune tipologie di questi animali che sono più diffuse e utilizzate in cucina:

  • Gamberi di Fiume : vivono in acque dolci, in particolare facciamo riferimento alla specie Astacus che sono molto simili all'astice, con dimensioni variabili e caratterizzati da due grandi chele;
  • Gamberi di Mare : in particolare facciamo riferimento alla specie Homarus Gammarus, hanno dimensioni più grandi rispetto ai gamberi di fiume, chele più imponenti e si possono trovare solitamente nei mari della Turchia, Italia, Inghilterra, Francia e Norvegia;
  • Gamberetti : i gamberetti sono un sottogruppo dei gamberi, sono di piccole dimensioni, non possiedono chele e hanno un colore che sfuma tra il grigio e il marrone;
  • Mazzancolle : spesso sono confuse con i gamberi, sono caratterizzate da un colore grigio-marrone e hanno una dimensione che va dai 12 ai 25 centimetri.
Per quanto riguarda gli aspetti biologici e nutrizionali di quest'ingrediente, 100 grammi di prodotto edibile corrispondono a circa 71 calorie, inoltre i gamberi sono ricchi di proteine, potassio, fosforo, vitamina A, vitamina D e vitamina B. Per essere sicuri di acquistare un prodotto fresco, bisogna fare attenzione prima di tutto alla corazza dei gamberi che non deve presentare macchie scure e non deve separarsi troppo facilmente dalla carne, in caso contrario, vi consigliamo di non acquistarli in quanto si potrebbe trattare di un prodotto non fresco, inoltre, fate attenzione anche all'odore, i gamberi sono caratterizzati da un profumo delicato, se dovesse essere troppo forte, questo sarebbe un altro campanello di allarme di un prodotto non proprio fresco, quindi meglio evitare!

Cenni Storici

I gamberi, i granchi, le aragoste, le cicale di mare, o paguri, nonostante siano tutti animali diversi, appartengono tutte alla stessa classe denominata dei Crostacei Malacrostraci. L'elemento che hanno in comune queste ed altre 30.000 specie animali è il corpo che è formato dallo stesso numero di segmenti ovvero 5 del capo, 8 del torace, 6 dell'addome e 1 che è il segmento terminale. Questo perchè, alcuni studi spiegano che milioni di anni fa, esisteva un crostaceo che aveva un corpo formato da questi segmenti sopra citati, con i cambiamenti climatici, con lo sviluppo e la procreazione, da quest'unico crostaceo si sono sviluppate tutte le specie che oggigiorno conosciamo.

Come Cuocere

I gamberi hanno un sapore molto delicato e sono molto facili da cuocere, infatti richiedono brevi tempi di cottura in modo che possano restare teneri e saporiti. Esistono molti modi per cuocerli, bolliti, grigliati o in padella. Per prima cosa, dovete decidere se pulire i gamberi prima o dopo la cottura, solitamente dipende dalla ricetta, se decidete di pulirli non dimenticate che la testa e il carapace potrebbero essere utili per preparare un buon sughetto. Pulite i gamberi e sciacquateli sotto l'acqua corrente in modo da eliminare eventuale tracce di impurità. Gamberi Bolliti : portate ad ebollizione una pentola con l'acqua e poi unite i gamberi, assicurandovi che l'acqua copra completamente i crostacei. Fate cuocere per circa 1 - 2 minuti. Togliete la pentola dal fuoco, coprite con un coperchio e lasciate in possa per altri 5 minuti o fino a quando assumeranno il classico colore arancione, in questo modo i gamberi continueranno a cuocersi con il calore senza però indurirsi o perdere sapore. Scolateli dall'acqua di cottura e serviteli o utilizzateli come preferite. Gamberi in Padella : sciacquate i gamberi sotto l'acqua corrente e scolateli con cura, se necessario asciugateli con un tovagliolo di carta assorbente. Fate riscaldare un giro d'olio in una padella antiaderente e quando avrà raggiunto la giusta temperatura, fate rosolare i gamberi cercando di sistemarli in modo da formare un unico strato (cioè senza sovrapporli) in modo da garantire una cottura omogenea. Fate cuocere per circa 2-3 minuti, rigirateli e quando la polpa avrà preso colore, togliete dal fuoco. Serviteli o utilizzateli come preferite. Gamberi alla Griglia : sciacquate i gamberi sotto l'acqua corrente, vi consiglio per questioni di semplicità di infilzare i gamberi in uno stecchino di legno, come quelli utilizzati per gli spiedini, ungete leggermente i gamberetti e fateli cuocere sulla griglia calda per qualche minuto, fino a quando la polpa avrà preso colore. Una volta cotti, togliete dal fuoco e serviteli o utilizzateli come preferite.

Come Conservare

I gamberi come tutti gli altri pesci e molluschi freschi, è consigliabile utilizzarli subito una volta acquistati in modo da poter assaporare appieno la freschezza di quest'ingrediente. Nel caso in cui però, abbiate acquistato una gran quantità, ecco alcuni consigli per conservare i vostri crostacei. Se volete conservarli freschi in modo da poterli utilizzare entro un paio di giorni, non sciacquateli sotto l'acqua corrente ma chiudeteli in un apposito sacchetto di plastica per alimenti e sistemateli nella parte meno fredda del frigo (in massimo 2 giorni dovete utilizzarli), oppure sistemateli in un canovaccio inumidito avvolgendoli e conservateli nella parte bassa del frigorifero, anche questi per massimo 2 giorni. Se invece volete congelare i vostri gamberi, sciacquateli sotto l'acqua corrente ed eliminate solo le zampe e la testa, ricordatevi che il guscio va tolto solo dopo il congelamento. Sistemate i gamberi in appositi sacchetti per alimenti e congelateli direttamente oppure in contenitori salva freschezza, dovete consumarli entro massimo 3 mesi. Varietà di Preparazione dei Gamberi I gamberi sono un ingrediente delicato che si presta bene alla preparazione di molte ricette come ad esempio gli spagheti con gamberoni e rucola, i gamberi gratinati, i gamberi al cocco, la bisque di gamberi, il polpo e gamberi con salsa al limone e tante altre ricette che potrete trovare cliccando qui.  

Condividi questo articolo

Scarica la rivista

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

BAMBINI CAPRICCIOSI A TAVOLA: COME RIMEDIARE

I bambini capricciosi a tavola possono essere un grande grattacapo: riuscire a mangiare affrontando i capricci dei bambini può risultare ...

Continua a leggere

MANGIARE TARDI FA MALE: ECCO PERCHÉ

E’ diventata ormai un’abitudine per molte persone, ma mangiare tardi a cena non fa bene al nostro organismo. Con una vita sempre più frenetica e ...

Continua a leggere

IL PARMIGIANO FA MALE? L'ALLARME DELL'OMS E IL PARAGONE CON LE SIGARETTE

Il parmigiano fa male: è l’allarme lanciato dall’OMS che avrebbe inserito il noto formaggio italiano tra i prodotti che possono nuocere ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista