Caramello, la soluzione per dolci decorazioni

Data Pubblicazione: 18/12/2017

Caramello, la soluzione per dolci decorazioni

Con il termine caramello si intende un composto molto utilizzato per la preparazione dei dolci. Frutto della fusione del saccarioso, la ricetta caramello è molto semplice da realizzare. Basta, infatti, mettere lo zucchero con un po’ di acqua in una teglia di rame stagnato. A questo punto va lasciato cuocere a fuoco lento, avendo cura di mescolare il composto fin quando non si ottiene il risultato desiderato. Si può, infatti, ottenere un caramello chiaro con una temperatura di 160 gradi circa; per quello scuro si arriva intorno ai 177 gradi. Possibile con lo stesso procedimento realizzare il toffee: in questo caso lo zucchero va mescolato al latte e non all’acqua.

Proprietà di preparazione del caramello

Essendo caratterizzato sostanzialmente da zucchero, il caramello apporta una elevata quantità di carboidrati ed è ipercalorico. Presentando soltanto una piccola quantità di acqua e indice e carico glicemico elevati non è adatto a chi soffre di diabete di tipo 2, così come per i soggetti sovrappeso. Le controindicazioni per questo additivo alimentare non sono finite qui. Ha anche un effetto negativo sui denti, favorendo la promozione delle carie.

Cenni storici

Una piccola curiosità arriva dalla storia e risale a tempi molto antichi. Nel Medioevo, infatti, si era soliti praticare la caramellatura dei piatti con selvaggina.

Varietà di preparazione in cucina

Dopo aver visto anche come fare il caramello, veniamo al suo utilizzo in cucina. Se per il caramello ricetta richiede l’utilizzo principalmente di zucchero da cucina, viene da sé che l’utilizzo è per la più riservato a prodotti di pasticceria. Ad esempio è un ingrediente fondamentale per la preparazione della crème bruleé. Da fare una separazione tra le ricette per le quali si utilizza un caramello chiaro e quelle per il quale è consigliato lo scuro. Il primo, semiliquido, è ottimo per la realizzazione di dessert come panna cotta, gelati o anche per ricette salate come selvaggina o carne di maiale. Con quello scuro, invece, che tende a cristallizzarsi rapidamente, si possono foderare le pareti degli stampi dove si farà il Bonet o la creme caramel o cose simili. Ottimo anche per la realizzazione delle decorazioni di dolci come ad esempio i cestini di filo o i pizzi.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

DIETA DIGIUNO INTERMITTENTE: QUANDO E COSA MANGIARE

Dieta digiuno intermittente come funziona? Quante volte ne abbiamo sentito parlare, ma come si attua una dieta del digiuno intermittente? Scopriamolo ...

Continua a leggere

COME NON SUDARE D'ESTATE, I CIBI DA EVITARE

Se vi state domandando come non sudare, sappiate che l’alimentazione gioca un ruolo di fondamentale importanza. Già perché il caldo e l’afa di ...

Continua a leggere

ALIMENTAZIONE BAMBINI: CIBI DA MANGIARE ED EVITARE IN ESTATE

L’alimentazione bambini è un argomento molto sentito da tutti i genitori. Quando arriva l’estate poi, con le vacanze e il mare, il dibattito ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista