Bianchetti, tanti nomi per un'unica bontà

Data Pubblicazione: 14/12/2017

Bianchetti, tanti nomi per un'unica bontà

Deliziosi fritti, ottimi anche al vapore: i bianchetti sono piccoli pesciolini che riescono a far innamorare di sé in cucina. Conosciuti con diversi nomi in base alla regione dove ci si trova, sono acciughe o sardine appena nate. Raccolti danno vita a una sorta di gelatina di colore bianco: ogni bianchetto arriva ad una lunghezza di circa due millimetri. C’è da prestare attenzione per la pesca in quanto regolamentata da norme che tutelano queste specie dall'estinzione. Così quelli di acciuga possiamo trovarli in commercio freschi dal mese di gennaio; per quelli di sardine il periodo ideale è quello estivo. Ovviamente si può ricorrere a quelli surgelati per poterne mangiare tutto l’anno.

Proprietà dei bianchetti

Attenzione a non confondere i bianchetti con i rosetti e i bianchetti di fondo: in entrambi i casi parliamo di specie adulte che rientrano nella famiglia delle Gobidae. Occhio poi ai pesci ghiaccio, pesciolini di fiume che vengono dalla Cina o dai tropici: spesso vengono venduti proprio come bianchetti. Tornando a questi giovani pesci di acciughe e sardine i valori nutrizionali sono simili a quelli dei loro rispettivi adulti. In linea generale assicurano una grande quantità di sali minerali, soprattutto sodio, potassio e fosforo, molte vitamine A e Omega 3.

Come conservare

Questi pesciolini vanno conservati in frigorifero e consumati in non più di un paio di giorni. Se acquistati freschi possono anche essere congelati e consumati entro tre mesi. Nel caso in cui si acquistassero già surgelati, occorre tener presente le indicazioni riportate sulla confezione.

Varietà di preparazione

Siamo arrivati al momento clou: per utilizzare in cucina i bianchetti ricette sono davvero tante e gustose. Prima di usarli è bene lavarli accuratamente per eliminare tutta la sabbia presente ed eventuali impurità. Per quanto riguarda il tipo di cottura possono essere fatti al valore ma il piatto più classico sono sicuramente i bianchetti fritti.

Come già accennato in ogni regione c’è un nome differente. Così in Liguria i ‘gianchetti’ vengono scottati e poi conditi con olio e limone. Impossibile non parlare delle frittelle di bianchetti o le polpette di neonata, ricetta siciliana realizzata con prezzemolo, uova e farina. A Napoli, invece, sono ottimi i cicinielli fritti in pastella, mentre dalle parti di Brindisi questi pesciolini sono chiamati Schuma ti mari. Ma ricette ce ne sono davvero tante. Sul nostro sito trovate ad esempio la frittata di bianchetti, una delle tante idee sfiziose e gustose per usare questi pesciolini.

Condividi questo articolo

Le nostre rubriche

L'universo culinario a portata di click

CIBI SENZA GLUTINE, GRATIS PER I CELIACI: IL DECRETO

Cibi senza glutine gratis per celiaci: resta garantita l’assistenza a chi soffre di celiachia grazie al decreto approvato dalla Conferenza Stato ...

Continua a leggere

CARNE ALLA GRIGLIA: PERCHÉ FA MALE

Ormai è cosa nota ai più: mangiare spesso carne alla griglia può provocare problemi di salute. Tra i rischi della carne cucinata alla griglia ...

Continua a leggere

PIZZE STRANE, LE FORME PIÙ CURIOSE AL MONDO

Può un grande classico come la pizza diventare una ricetta originale? Assolutamente sì, se parliamo di pizze strane: al bando la classica forma ...

Continua a leggere

Lascia un commento

Scarica la rivista