Oggi vi postiamo la ricetta dello Strudel di Pere e Uvetta. Si tratta di uno sfizioso dolce da consumare come squisito dessert di fine pasto ma anche come sostanziosa colazione o merenda oppure ancora come delizioso accompagnamento con il classico tè pomeridiano.

Strudel di pere e uvetta: un dolce abbinamento

L’abbinamento è davvero perfetto. Le pere, conosciute anche come la frutta degli sportivi per l’elevata presenza di zuccheri e potassio, in antichità erano gustate come dolci da passeggio. Venivano caramellate e infilzata con degli spiedini, poi  gustate mentre si era in strada. A realizzarle erano i peracottari, termine con il quale ora si fa riferimento a una persona incapace, ingenua (‘fare la figura di peracottaro’ è un’espressione che si sente ancora oggi, soprattutto nel dialetto romano). Le pere e l’uvetta insieme sono veramente deliziose e creano una farcia molto sfiziosa.

L’uvetta, secondo leggenda, deriva da una ‘dimenticanza’ di un sultano. Costretto a difendersi dall’attacco di una tigre, lasciò l’uva esposta al sole ed ecco che nacque l’uvetta. Proprio da tale leggenda deriva anche il nome di uva sultanina. Di certo non è un alimento dietetico visto l’elevato apporto calorico che garantisce. Questo però non le impedisce di essere usato come uno spuntino energizzante. Tra le proprietà benefiche dell’uvetta ci sono anche la prevenzione delle carie e la protezione della vita. Infine, l’uva passa è anche indicata come alimento per prevenire il cancro e fortificare le ossa.

Un dolce buono a qualsiasi ora

Ma torniamo al nostro strudel di pere e uvetta, un dolce buono a qualsiasi ora. La presenza della cannella dona un tocco esotico molto fragrante al dolce. Per la farcia potete utilizzare biscotti secchi. Potete gustare questo strudel sia caldo che freddo, in entrami i casi sarà buonissimo! Se volete scoprire anche altre buonissime e dolci preparazioni, cliccate qui! Buona lettura a tutti.

SCOPRI SUBITO LA RICETTA DEL GIORNO!