Il Pollo al Curry è una ricetta etnica dal sapore speziato, intenso e avvolgente. E’ ormai famoso e diffuso in tutto il mondo dove è  molto apprezzato ed amato. Questo piatto ha una storia molto antica ed è tipico della tradizione culinaria asiatica e principalmente di quella indiana.

La sua realizzazione è veramente molto semplice e può essere preparato anche da coloro che non sono molto esperti in cucina.

Esistono tantissime versioni della ricetta pollo al curry a seconda delle nazioni e delle regioni di provenienza.

Quello che è certo è che gli ingredienti fondamentali per realizzare la ricetta sono sostanzialmente due: il pollo e il curry.

Il pollo ha proprietà che presentano molti benefici per la nostra salute.

Infatti le sue carni bianche sono:

  • magre,
  • a basso contenuto di grassi,
  • molto digeribili
  • e con un apporto di proteine piuttosto alto.

Posseggono anche un moderato numero di calorie che variano da 114 a 126. Il petto di pollo è quello che ne presenta meno, poi seguono le cosce con 120 calorie ed infine le ali.

La carne del pollo è ricca di proteine, vitamine e sali minerali. In fase di acquisto è meglio optare per un pollo bio in modo da limitare l’ingestione di pesticidi e antibiotici.

Il pollo ha un grande utilizzo in cucina in quanto le sue carni molto saporite si prestano alla preparazione di infinite ricette.

Le cosce e i sovracosce si prestano molto bene ad essere cucinate al forno, alla griglia, arrosto o in umido.

Le ali si possono preparare fritte oppure arrosto o in umido, al forno oppure in maniera molto sfiziosa.

Il petto di pollo ha le carni un poco più asciutte e quindi è più indicato ad essere cucinato in umido oppure in padella o ancora per realizzare golosi involtini.

In questa ricetta prepareremo un petto di pollo al curry, tagliato a bocconcini di media grandezza. Se ricavate i petti da un pollo intero, togliete la pelle, le zone grasse, l’ossicino e la cartilagine. Se invece acquistate il petto di pollo già preparato, eliminate le parti grasse se presenti.

L’altro ingrediente fondamentale che dona alla ricetta saporosità, piccantezza e una fragranza decisamente esotica, è il curry.

Il curry è una miscela di spezie dal sapore intenso, caldo, leggermente piccante e molto aromatica.

E’ originario dell’India, dove prende il nome di “Masala” ma ormai è diffusissimo, molto conosciuto e utilizzato anche in tutto il mondo occidentale.

Il curry è un alimento assolutamente benefico per il nostro organismo.

Infatti è povero di grassi, digeribile e può sostituire il sale nel caso di regimi alimentari iposodici e dimagranti.

Inoltre è ricco di vitamine, fibre e carboidrati. Ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, è utile nelle malattie cardiovascolari in quanto è un regolarizzatore dei ritmi cardiaci e della circolazione del sangue. Inoltre migliora la digestione e regola il metabolismo.

Con il curry si possono realizzare innumerevoli ricette a base di carne o pesce… Ma anche i vegetariani e i vegani lo utilizzano per realizzare molti piatti a base di verdure, di riso, di pasta oppure golose pietanze.

Il curry è una miscela di spezie che variano in quantità e proporzioni a seconda delle regioni dell’India in cui vengono preparate e che rendono il mix più o meno piccante, aromatico e colorato.

Nella versione classica sono presenti  curcuma che conferisce alla miscela in classico colore ocra, insieme a:

Le spezie vengono tostate e poi pestate in un mortaio e miscelate.

Come fare il pollo con curry

Noi abbiamo scelto quella più semplice e classica che sprigiona al meglio il bouquet di sapore e di fragranza esotica di questo squisito piatto etnico. Viene realizzato tagliando a bocconcini il petto di pollo che vengono poi passati in un mix di farina e curry.

Si lasciano rosolare con olio extravergine di oliva e poi si mettono da parte. Nella stessa casseruola si fanno appassire scalogno e peperoncino. Quindi si uniscono i bocconcini di pollo e si portano a cottura con brodo vegetale o brodo di carne aromatico. Poco prima di spegnere il fuoco si aggiunge un composto realizzato con l’avanzo delle farina e del curry stemperato in acqua fredda. Infine si lascia riposare qualche minuto il pollo al curry e poi si serve spolverizzato con foglie di prezzemolo.

In sostituzione del prezzemolo, potete utilizzare delle foglioline di coriandolo fresco che aggiungeranno una nota classica e renderanno la ricetta ancora più simile a quella tradizionale.

Se volete, potete rendere la ricetta base più gustosa e sostanziosa aggiungendo delle verdure come cipollezucchine, pomodori, aglio etc.

Potete accompagnare il pollo al curry con riso pilaf o lessato per ottenere un sostanzioso e squisito piatto unico. Va bene qualsiasi qualità di riso, ma quello ideale è sicuramente il riso Basmati dal sapore e dalla fragranza particolare che si sposa alla perfezione con la ricetta odierna. Anche il cous cous è ottimo servito con il pollo al curry oppure potete affiancare al piatto delle semplici fettine di pane casereccio o di pane ai cereali o al sesamo.

Abbinate al pollo al curry un buon bicchiere di vino rosso fruttato e leggero come del Gutturnio frizzante oppure del Lambrusco Salamino.

SCOPRI SUBITO LA RICETTA DEL GIORNO!